Accidente

Pubblicata il 11 Luglio 2012 - URL breve

ac-ci-dèn-te

SignEvento, in particolare sciagurato

dal latino: accidere, composto da ad- verso e cadere. Cadere addosso.

È una parola comune, che nel linguaggio prende una quantità di significati enorme.

Di per sé sarebbe un evento neutro, non diverso dal caso o dall'occasione, ma dire che ho incrociato qualcuno per accidente non mi dà un'impressione troppo positiva dell'incontro - diciamo che usarlo in senso neutro è una raffinatezza che non ci si può sempre permettere.

In senso negativo di evento funesto è una parola tuttofare. Dal semplice augurio di un accidente, coerente col significato della parola, passa volentieri ad un uso più colorito ed esteso - accidenti!, non c'entra un accidente - meravigliosamente spontaneo.

Senza avventurarsi in discorsi complessi ma volendo dare uno spaccato ulteriore dell'eterogeneità degli usi dell'accidente, ricordiamo che, nell'ottica aristotelica, l'accidente è il contingente, ciò che indifferentemente può essere o non essere, qualità superficiale che non tocca l'essenza: ad esempio, circa l'umano, il colore dei capelli, degli occhi, della pelle sono accidenti, lo sono la ricchezza e la povertà - qualità che non intaccano la sostanza dell'uomo; ci si può spingere oltre, arrivare a dire che sono accidenti le qualità intellettuali, personali, gli ideali, perfino i valori - in fondo, tutti dei casi molto lontani dal nocciolo imperturbabile della dignità.

Insomma, in pratica è tutto un accidente, accidenti.

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Iscriviti a UPAGIscriviti a UPAG

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Iscriviti adesso!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato