Logo Una parola al giorno

Sfoglia per iniziale: R - pagina 6

Redivivo

re-di-vì-vo

SignRisorto, tornato in vita; che ricompare dopo una lunga assenza

dal latino redivivus 'restaurato', in senso architettonico. Tale termine si riconduce facilmente a composto da redire 'tornare' e vivus 'vivo'.

Nulla resta del significato latino del termine 'redivivus', termine che era proprio del lessico architettonico e che significava 'restaurato'. Attraverso il latino cristiano, questa parola ha assunto il senso marcato di risuscitato, di tornato in vita. Quindi, si può parlare di Sherlock Holmes redivivo (Conan Doyle lo aveva fatto morire, a un certo punto, ma i lettori non erano per niente d'accordo), di una moda rediviva che torna ruggendo dalla tomba dei decenni passati, o di una vecchia...

» Continua a leggere...

Reduce

rè-du-ce

SignChe ritorna, specie dalla guerra

dal latino redux, composto di re- 'indietro' e dùcere 'guidare'.

Eccola qua, una parola ricercata ma facilie da spendere. Con una sintesi mirabile descrive la figura di chi o ciò che ritorna, e in un momento ingentilisce il discorso. 'Che ritorna'. Il significato, detto così, è un po' ermetico. Dopotutto anche un boomerang ritorna, però difficilmente lo chiameremo reduce. In particolare il reduce ritorna da qualcosa che lo ha impegnato: imprese, campagne, viaggi, permanenze via. Infatti classicamente si parla dei reduci di guerra - provati, che siano...

» Continua a leggere...

Refezione

re-fe-zió-ne

SignPasto sobrio, specie in comune; ristoro dato dal cibo

dal latino: refectio ristoro, da reficere rifare, ristorare.

Parola di uso non frequentissimo, e limitato spesso a pasti consumati in ambito lavorativo, scolastico o in generale di vita in comune. Dopotutto in altri contesti è difficile immaginare il locale del refettorio. Da quest'uso traiamo il connotato comunitario e frugale della refezione, che è un mangiare insieme in maniera semplice; non è l'occasione conviviale di un simposio, di un pasto rilassato e luculliano, ma più la cura di un bisogno fisico che viene ristorato con sobrietà e senza...

» Continua a leggere...

Refolo

rè-fo-lo

SignSoffio di vento leggero e improvviso

voce veneziana, derivato di refolàr, di probabile origine onomatopeica; forse legato a follo mantice, da cui anche "folata".

Una parola bella e delicata, d'immagine suggestiva. Il refolo è il soffio di vento leggero, intermittente, che in un attimo si leva e in un attimo scende. Il suono delle lettere invita all'orecchio il turbinìo di un alito, una folatina che vortica correndo su vele, muri, prati. Oltre al bell'uso che si può fare di questa parola relativamente al vento, sono molti e stimolanti gli usi figurati che invita. La persona non brillante potrà essere ispirata da un refolo d'ingegno; nei momenti di...

» Continua a leggere...

Refrattario

re-frat-tà-rio

SignDi materiale che resiste ad alte temperature; insensibile, inerte, restio; immune

dal latino refractarius 'indocile, ribelle, ostinato', derivato di refragari 'rompersi contro'.

Se dovessimo sintetizzare il concetto di refrattario in un'immagine, potrebbe essere lo scoglio su cui si infrangono le onde. Il refrattario, etimologicamente, è ciò contro cui si rompe qualcosa. Le forze che agiscono sul refrattario non sortiscono alcun effetto: ad esempio il materiale refrattario resiste ad altissime temperature senza alterazioni apprezzabili - pensiamo alle pareti di un altoforno, alla camera di combustione di una stufa, o ai rivestimenti dei missili. Se dico che lo...

» Continua a leggere...

Regicidio

re-gi-cì-dio

SignAssassinio di un sovrano

dal latino medievale regicidium, composto di rex 're' e -cidium, dal tema di caedere 'uccidere'.

Oggi che la stragrande maggioranza delle monarchie si è rivolta in repubblica e che in tante delle poche rimaste i sovrani mantengono solo un ruolo simbolico, anche il grave atto del regicidio fila rapido lungo il Sunset boulevard. Pochi eventi erano così gravi come l'assassinio del sovrano, nella vita di uno Stato, ma in lunghi secoli è stato un evento tutt'altro che raro, e ha anzi rappresentato la via maestra per affermare nuovi equilibri politici. Curiosamente, proprio oggi cade il...

» Continua a leggere...

Reificazione

rei-fi-ca-zió-ne

SignProcesso per cui qualcosa di puramente astratto è convertito in un oggetto concreto; svilimento di qualcosa

dal latino res cosa.

Questa è una parola complessa, propria del lessico filosofico, ma ha alcuni risvolti decisamente quotidiani. Innanzitutto, la reificazione è quel processo per cui qualcosa di astratto emerge come oggetto concreto: una legge può essere la reificazione di un sentire popolare, il giuramento si reifica in un pegno che portiamo sempre con noi, una poesia intensa reifica l'esperienza vissuta. Insomma, un significato diventa oggetto. Splendido e tutt'altro che raro, per quanto sia un fenomeno poco...

» Continua a leggere...

Relax

relàcs

SignStato di riposo fisico e psichico

dal verbo inglese (to) relax, dal latino relaxare ‘allentare, distendere’.

Senz’altro ciò che molti di noi si staranno godendo in un giorno di festa. Che sia meritato o no, il relax è diventato uno dei premi più agognati per staccare dai ritmi di vita quotidiani spesso frenetici e decisamente stancanti che ci vengono imposti. L’anglicismo si affianca a dei nostri corrispettivi quali “riposo”, “distensione”, “svago”, raccogliendo probabilmente in un unico termine un po’ tutte le sfumature presenti in tali parole italiane, e giocando come carta vincente per la sua...

» Continua a leggere...

Remissivo

re-mis-sì-vo

SignDocile, che si rimette alla volontà altrui

dal latino tardo remissivus, derivato di remittere rimandare, concedere, composto di re- indietro e mittere mandare.

Il carattere personale indicato da questa parola - piuttosto affine alla docilità - certo non si attaglia al leader o al personaggio virile: essere remissivo significa avere l'inclinazione a rimettersi alla volontà o al giudizio altrui, assecondandolo di buon grado, senza contrasti né opposizioni. In effetti, nel sistema di valori corrente, remissivo non può essere altro che il debole. Ma c'è da ponderare il fatto che il remissivo, incline all'accettazione, non per questo si trova in una...

» Continua a leggere...

Remora

rè-mo-ra

SignIndugio, freno; scia laterale di nave

dal latino: derivato di mora arresto, ritardo.

E' una parola raffinata e matura - senza la timidezza del purtroppo inflazionato scrupolo (maledetti film pieni di uomini-senza-scrupoli!) né vaga e fiacca come il dubbio - parola che meglio si attaglia ad altre denotazioni. Avere una remora è qualcosa di fisico, non una semplice indecisione sentimental-intellettuale: è una folata di vento contrario, o un indugio che traspare impietrendosi sul volto. Le remore sono anche dei pesci che, muniti di una sorta di ventosa, si attaccano a scafi o...

» Continua a leggere...

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato