Logo Una parola al giorno

Sfoglia per iniziale: T - pagina 5

Tepore

te-pó-re

SignCalore confortevole, piacevole

dal latino tepor, derivato di tepère 'essere tiepido'.

Questa è una delle parole più graziose che abbiamo in sorte di poter pronunciare. E la sua non è una grazia ricercata, astrusa: è una parola comune e cardinale, anche perché ha pochi sinonimi percorribili. Si tratta di un lieve calore, ma 'lieve calore' è un'espressione piuttosto didascalica; il termine che le si avvicina di più è 'calduccio', che però ha un tono naïf. Per non parlare di 'tiepidezza': pur avendo la medesima origine nel latino tepere richiama un 'tiepido' spesso evocato come...

» Continua a leggere...

Teppa

tép-pa

SignInsieme di persone dedite a violenza e vandalismo, specie nelle grandi città

propriamente, nome lombardo del muschio.

Ci sono parole che per essere spiegate richiedono un piccolo racconto storico, e il nostro oggi ci porta a fare la conoscenza della Compagnia della tèpa. Corre l'anno 1816 (o 17, le fonti discordano), e per effetto della Restaurazione Milano è appena rientrata nel dominio austriaco, come capitale del posticcio Regno Lombardo-Veneto. Nell'amena ariosità di Piazza Castello si addensa però una minaccia: è una ghenga di giovanotti gaudenti e fannulloni, inclini al vandalismo e alla violenza...

» Continua a leggere...

Terapia

te-ra-pì-a

SignTrattamento di una malattia

dal greco: therapeia cura, guarigione.

Un termine di alta rilevanza tecnica, quale il sistematico combattimento di uno stato patologico, diventa vasto e comune, passando, nei suoi composti, più genericamente ad indicare qualunque azione o trattamento ausiliario della cura della persona, o, in questo senso, perfino qualsiasi piacevolezza. Si parlerà allora di ippoterapia, di cromoterapia, di musicoterapia e chi più ne ha più ne metta. Lungi dal contestare il bene incommensurabile che certe pratiche, seppur eterodosse, hanno sulla...

» Continua a leggere...

Teratogenesi

te-ra-to-gè-ne-si

SignIn ambito medico, lo sviluppo anormale di un feto che nasce, quindi, con gravi deformità o difetti congeniti.

dal greco: tèratos mostro, ma anche prodigio e genesi nascita, creazione

Il linguaggio medico ha monopolizzato questa parola, riferendola esclusivamente all'ambito dei bambini nati deformi. Ma questa è una parola complessa. [Teratos] è il nome del mostro ma anche dei miracoli di Cristo. È in sé una voce senza valutazione, il prodigio nel bene e nel male. Un fronte potente di teratogenesi è il sogno notturno, una fantasia sciolta, idillio miracoloso e terrore. È una parola quasi vergine e molto potente. Usarla bene e con inventiva conferisce questa potenza...

» Continua a leggere...

Tergiversare

ter-gi-ver-sà-re (io ter-gi-vèr-so)

SignPrendere tempo, rinviare, eludere

dal latino tergiversari temporeggiare, composto da tergum schiena e versare volgere.

Questa parola ha un'ampia nuvola di sfumature di significato, tutte riconducibili al concetto di prendere tempo. A esempio, tergiversa il politico eludendo la domanda del giornalista, tergiversa l'indeciso rinviando un acquisto a tempi migliori, e quando un innocente viene accusato il colpevole tergiversa, prima di risolversi a denunciarsi. È una parola di registro piuttosto elevato, che disegna il suo concetto con un'immagine vivida e fisica: il voltarsi di spalle. In questo senso il...

» Continua a leggere...

Terso

tèr-so

SignLimpido, privo di impurità

propriamente, participio passato di tergere, voce dotta recuperata dal latino tèrgere o tergère, di etimologia incerta.

Cielo terso. È in questo splendore celeste che il termine 'terso' è andato a marcire. Il caso ormai lo conosciamo: parole brillanti, ampie, ricche, che per pigrizia si infilano in locuzioni stereotipate fino a morirci - scordato ogni uso diverso. Ma vediamo bene quale è la ricchezza del terso. In qualunque dizionario si può leggere che 'terso' è sinonimo di pulito, lo sappiamo, ma il taglio di sfumatura lo porta verso il lucido, il trasparente, il limpido. Insomma, è difficile parlare di...

» Continua a leggere...

Tesi

tè-si

SignAffermazione filosofica o scientifica di cui si cerca di dimostrare la validità; dissertazione che lo studente presenta e discute alla fine di un corso di studi universitario

dal greco: thesis posizione.

Parola che ha avuto un grande successo in ambito filosofico e scientifico - ambiti in cui è fondamentale argomentare enunciati provandone la verità. Ci torneranno in mente le novantacinque tesi di Lutero, la tesi contrapposta all'antitesi, la tesi di un teorema matematico da dimostrare. In sé è una parola estremamente asciutta, elegante: la tesi è la posizione intellettuale che si assume e si sostiene. In Italia questa parola ha avuto gran fortuna sul fronte universitario, poiché da noi...

» Continua a leggere...

Testimonial

testimònial

SignNel linguaggio pubblicitario, personaggio pubblico chiamato a reclamizzare un prodotto

voce inglese, propriamente 'attestato'.

Questo termine rientra appieno nella categoria degli pseudoanglicismi; non lo abbiamo creato ex novo utilizzando strutture e parole esistenti nella lingua inglese, come in altri casi accade, ma l’abbiamo adottato compiendo quella che si chiama una reinterpretazione semantica. Nella sua lingua d’origine, infatti, un testimonial è una referenza, una attestazione sui requisiti o sul carattere di qualcuno o qualcosa. In una fase ancora precedente, la parola indicava una presentazione scritta in...

» Continua a leggere...

Tetragono

te-trà-go-no

SignIn geometria, sinonimo di quadrangolo, e in passato anche di cubo; saldo, fermo, costante

dal greco: tetragonos, composto da tetra- quattro e -gonos angolo.

In geometria questa parola è una vera rarità; nel caso viene usata per indicare una figura piana con quattro angoli. Ma in passato con tetragono si poteva anche indicare un parallelepipedo, cioè una figura solida - e in particolare il cubo. Ora, il cubo ha tutta l'apparenza di una figura solida, ferma, affidabile: se mi dico tetragono a qualunque tentazione, intendo che niente è in grado di corrompermi; potrei voler votare il candidato alle elezioni per il suo esser tetragono nelle proprie...

» Continua a leggere...

Tifo

tì-fo

SignMalattia infettiva; passione sportiva

dal greco: typhos fumo, vapore, febbre - intendendo l'offuscamento febbrile della mente.

Il tifo ci sembra una malattia dei tempi andati, come la tubercolosi, la poliomielite, la sifilide, la malaria - una di quelle malattie che colpiscono i personaggi dei romanzi dell'ottocento. La realtà è che, insieme a queste altre, è ancora ben radicato, nel mondo. Quello che storicamente viene chiamato 'tifo' è in realtà un gruppo di malattie distinte, che colpiscono per cause e con modalità diverse. Ma questo non è sempre stato così chiaro. Caratteristica comune è però l'alta febbre, che...

» Continua a leggere...

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato