Logo Una parola al giorno

Sfoglia per data

Edotto

e-dòt-to

SignInformato

voce dotta recuperata dal latino edoctus, participio passato del verbo edocère 'insegnare a fondo', derivato di docère 'insegnare', con un prefisso e- che significa pienezza, compimento.

Qui c'è da sorridere. L'italiano recupera nell'Ottocento dal latino un participio passato latino, in veste di aggettivo, che significherebbe l'esperto in quanto fruitore di un pieno insegnamento, e ce lo rende come un 'informato'. Diciamo che è un modo un po' minimalista di rendere il concetto di un dominio su un'informazione. Certo l'edotto può essere un informato nel senso più secco del termine: non c'è bisogno che tu faccia la premessa perché sono edotto sugli ultimi sviluppi della...

» Continua a leggere...

Pugnace

pu-gnà-ce

SignBattagliero, combattivo, bellicoso

voce dotta recuperata dal latino pugnax 'combattivo, bellicoso', derivato di pugnare.

Questa parola appartiene alla potente categoria dei latinismi simpatici, di un registro elevato ma a buon mercato: anche chi non sappia il latino ha facilmente udito discorsi che per scherzo medievaleggiante invitavano alla pugna e a pugnare, e quindi il fatto che il verbo 'pugnare' in latino significhi 'lottare, combattere' non stupisce — e non stupisce nemmeno che in origine sia letteralmente il combattere a cazzotti. Comunque il pugnace ne è derivato, e giunge in italiano come recupero...

» Continua a leggere...

Samadhi

sa-mà-dhi

SignStato di profonda concentrazione che culmina nell'assorbimento di sé nella concentrazione stessa

Dal sanscrito समाधि samādhi, 'unione, intensa concentrazione'.

Si è già parlato, in questa rubrica, di una delle parole che più naturalmente vengono in mente quando si pensa all'influsso del sanscrito nell’italiano: yoga. Strettamente connessa allo yoga è la parola di oggi, समाधि samādhi, l’unione finale, che non a caso è la meta del cammino dello yoga. Di questa disciplina parla Patañjali nei suoi yogasūtra, gli aforismi sullo yoga, e in essi descrive il cammino che si compie attraverso la pratica dello yoga come diviso in otto punti (o अष्टाङ्ग...

» Continua a leggere...

Rammemorare

ram-me-mo-rà-re (io ram-mè-mo-ro)

SignRicordare

derivato di memorare 'ricordare', col prefisso composto ra- con valore intensivo.

Davanti a questo verbo sorge spontanea una domanda: «Ma non si poteva dire 'ricordare'?» In effetti i significati sono del tutto sovrapponibili, e anche buona parte degli usi. Però è un termine che permette alcune riflessioni interessanti. La prima è un po' piana: talvolta il ricordo ha una dignità tale, o vuole essere vestito di una dignità tale, che è funzionale farla percepire attraverso un termine di natura e registro letterari. Se voglio marcare l'importanza di un ricordo, evocare le...

» Continua a leggere...

Becchino

bec-chì-no

SignChi è addetto a seppellire i morti

derivato di beccare.

Che il becchino ci debba entrare in qualche maniera col becco e il beccare può sembrare strano ma è evidente, anche perché seduto poche parole più in là c'è il beccamorto. Resta da capire che cosa c'entri. No, non si deve far volare l'immaginazione coi corvi e gli avvoltoi che letteralmente beccano i morti: si deve prendere il verbo 'beccare' con la disinvoltura con cui lo usiamo ogni giorno senza pensarci. Se becco una menzione d'onore, o mi becco un raffreddore, se mi becchi mentre...

» Continua a leggere...

Prevaricare

pre-va-ri-cà-re (io pre-và-ri-co)

SignAbusare del proprio potere per i propri scopi; sopraffare gli altri abusando della propria posizione di forza; oltrepassare i limiti del giusto; trasgredire, stravolgere, ribaltare

voce dotta recuperata dal latino tardo praevaricare, che nel latino classico era praevaricari: propriamente significa 'oltrepassare allargando le gambe' (derivato di varicare 'allargare le gambe', con prefisso prae- 'oltre').

Se quel 'varicare' che leggiamo nel 'prevaricare' ci fa subito pensare a un valicare, e quindi a un oltrepassare, uno scavalcare, non siamo fuori strada. Propriamente, nel latino da cui proviene, il varicare descrive l'atto di allargare le gambe; se ci installiamo in testa il prefisso prae-, che indica un 'avanti', ma in certi casi, figuratamente, anche una precedenza di altezza, di levatura, otteniamo l'immagine sintetica e potente di un 'allargare le gambe sopra', come quando con slancio...

» Continua a leggere...

Festinare

fe-sti-nà-re (io fe-stì-no)

SignAffrettarsi; sveltire, accelerare

voce dotta recuperata dal latino festinare 'affrettarsi, accelerare'.

Sorte curiosa, e delle più delicate, quella di questa parola. Dire che non è comune è un eufemismo: ha avuto una presenza di rilievo nell'italiano nascente, ma poi è rimasta a prendere polvere. Qualcuno ogni tanto le avrà strizzato l'occhio: il motto latino festina lente, col successo millenario del suo consigliato ossimoro ('affrettati lentamente', cioè sbrigati, ma con prudenza), ha mantenuto il verbo 'festinare' abbastanza accessibile anche a chi non mastica moltissimo latino. Non si...

» Continua a leggere...

Vulgata

vul-gà-ta

SignCon la maiuscola, versione della Bibbia tradotta da san Girolamo; versione di un testo che, in certo momento della sua tradizione, è la più diffusa e accettata; insieme dei testi divulgativi e rappresentativi di una scuola di pensiero; racconto comune, versione diffusa

voce dotta recuperata dal latino tardo vulgàta (editio) '(edizione) divulgata', propriamente participio passato femminile sostantivato di vulgàre 'divulgare'.

Stavolta la fotografia di questa parola resa dai dizionari è un po' mossa. Ma per arrivare all'aspetto che sta maturando oggi questa parola si deve partire dal suo principio: questo non sarà un viaggio semplice. Ora, 'vulgata' è un termine che sa parecchio di latino, e in effetti è una voce dotta trasferita pari pari in italiano a metà del Seicento, a partire dalla locuzione vulgata editio. Una locuzione semplice, che significa 'edizione diffusa', e che era stata usata per indicare in ...

» Continua a leggere...

Fievole

fiè-vo-le

SignDebole, detto di voce o suono

dal latino flebilis 'lacrimevole, commovente, commiserevole, triste', da flère 'piangere'.

Permettiamoci stavolta di toccare subito con la mano il centro pulsante di questa parola, che è una connessione poetica: il debole, significato col pianto. Questo aggettivo ha avuto un passato di significati molto variegati, anche se adesso si applica con minima variabilità al suono, in particolare a quello della voce; ma l'impronta fondamentale, fin dalla sua alba duecentesca, in italiano è sempre stata quella: la debolezza. Ora, se noi guardiamo i significati del latino flebilis, da cui...

» Continua a leggere...

Default

defòolt

SignIn informatica, scelta operativa che un sistema opera in assenza di istruzioni da parte dell’utente; in economia, l’incapacità patrimoniale di un debitore di soddisfare i propri obblighi o di saldare i propri debiti

voce inglese, propriamente 'mancanza', 'difetto', dal francese défaut.

Questo è un anglicismo molto tecnico, che si divide tra due settori, quello finanziario e quello informatico, in cui esperti e media lasciano spesso e volentieri i prestiti non tradotti con l’intento di conferire un tocco di professionalità in più a ciò di cui si discute, calando allo stesso tempo un velo di impenetrabilità per i destinatari che specialisti non sono. Il significato relativo all'ambito economico, che si riferisce all'inadempienza nei confronti di un debito o di un obbligo,...

» Continua a leggere...

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato