Logo Una parola al giorno

Sfoglia per data

Agguato

ag-guà-to

SignAppostamento volto a un attacco improvviso, e l'attacco stesso; insidia, tranello; luogo dell'imboscata

dall'antico francese aguait 'guardia, sorveglianza, imboscata', dall'ipotetica voce francone wahta 'guardia'.

Paroline come questa ci permettono di scoprire cose molto interessanti sulle ramificazioni dei concetti che usiamo. Se il micio mi fa un agguato - teso a saltarmi al polpaccio quando passo - significa che si è appostato e che è pronto a scagliare il suo attacco sorprendente: questo lo sappiamo. Ora, il termine 'agguato' è un parente stretto del verbo guatare, anzi qualcuno lo indica come suo derivato, passando per il desueto agguatare: visto che guatare significa 'guardare a lungo e...

» Continua a leggere...

Sciò

sciò

SignEspressione usata per scacciare polli o altri animali, fra cui le persone

voce espressiva.

È una parola che frequenta con disinvoltura i nostri discorsi, ed è curioso notare come ci sia una certa ossessione compilatoria nei dizionari nel precisare che questa espressione serve in primis per scacciare i polli. Un'urgenza che magari un tempo è stata più pressante di quanto sia oggi: diciamo che in generale è un'interiezione impiegata col fine di scacciare animali o persone - con una forza sorda che stringe minacciosamente al grugno labbra e lingua e poi scoppia. Posso tentare di...

» Continua a leggere...

Spiattellare

spiat-te-là-re (io spiàt-tèl-lo)

SignDichiarare, dire apertamente ciò che doveva essere tenuto riservato o che richiedeva delicatezza; mettere davanti, mostrare

composto parasintetico di piattello, diminutivo di 'piatto'.

I dizionari possono fare arrabbiare. È il caso di 'spiattellare'. Pare condiviso, fra gli studiosi dei giorni nostri, che derivi da 'piattello', anzi che ne sia un composto parasintetico (cioè gli si attaccano insieme un prefisso e un suffisso). Ma non ho trovato autori di dizionari recenti che percorrano l'ultimo tratto, dicendo com'è di preciso che il piattello ispira lo spiattellare. Se vogliamo provare a capirlo da noi, servono piedi di piombo. Spiattellare significa dire apertamente,...

» Continua a leggere...

Puzzle

pàzol

SignGioco di pazienza che consiste nel riordinare gli elementi sparsi di un oggetto, in genere per ricomporre una figura; figuratamente, situazione ingarbugliata, problema di difficile soluzione.

Voce inglese di etimo incerto; propriamente 'imbarazzo', 'enigma'.

La pronuncia più diffusa, oggi, è molto più simile a quella originale. Ma siamo onesti: quanti di noi, specialmente da bambini leggendo la parola sulle scatole piene di pezzi rumorosi che erano una meraviglia da agitare prima ancora di essere aperte, dicevano istintivamente pùzle? Io ero una di quelle bambine, e con un po’ di imbarazzo ed un po’ di nostalgia ho gradualmente adattato il mio modo di pronunciare il termine a quello che ufficialmente compare nei dizionari, che imita quello...

» Continua a leggere...

Duna

dù-na

SignAltura sabbiosa instabile ammassata dal vento nei deserti e sulle coste sabbiose

dal medio olandese dūne 'altura'.

Questa parola nasconde degli scarti d'immaginario splendidi: come possono essere diversi, i monti di sabbia ammucchiati dal vento. Se sentiamo parlare di dune, la sonorità morbida, scura del termine, con la voluttà di consonanti che chiamano ai denti la punta della lingua, ci fa subito pensare alla sensualità magrebina di dune del deserto, a un erg sabbioso a perdita d'occhio, arroventato dal sole o inargentato dalla luna, ad atmosfere torride, profumate d'incensi, speziate e riarse, alle...

» Continua a leggere...

Sopralluogo

so-pral-luò-go

SignIspezione compiuta a fini d'indagine; sul luogo

composto di sopra- e luogo.

Conosciamo il sopralluogo come versatilissimo sostantivo: il sopralluogo lo fa la magistrata sulla scena del delitto, lo fa il perito dell'assicurazione, io stesso faccio un sopralluogo per vedere se questa zona mi piace, per affittarci casa, e l'amico che si crede un dongiovanni racconta d'aver fatto un sopralluogo al locale per valutare la selvaggina. Abbraccia uno spettro continuo d'ispezioni, che vanno dalle più tecniche, sistematiche e rituali a quelle più informali che cercano appena...

» Continua a leggere...

Ciurlare

ciur-là-re (io ciùr-lo)

SignVacillare, tentennare; nell'espressione 'ciurlare nel manico', sottrarsi a un impegno con raggiri, rinvii, pretesti

etimo incerto; forse di origine espressiva.

Ci sono locuzioni di così grande successo da inglobare per sempre alcune delle parole che le compongono. È il caso del verbo ciurlare, che non esiste più al di fuori dell'espressione 'ciurlare nel manico'. Be', in realtà fuori da quell'espressione non è praticamente mai attestato, se si fa eccezione per un uso nella Canzona d'un Piagnone pel bruciamento delle vanità del 1498, di autore anonimo (Là si pappa lecca e ciurla). Il suo significato di base è quello di tentennare, di di stare...

» Continua a leggere...

Sconcertare

scon-cer-tà-re (io scon-cèr-to)

SignSconvolgere, scombinare; lasciare perplesso, turbato, disorientato

derivato di concertare, volto al significato contrario dal prefisso s-.

L'immagine forte che ci può venire in mente guardando il verbo 'sconcertare' è l'irruzione matta nell'orchestra nel bel mezzo di un'esecuzione. Uno sconvolgimento di un funzionamento armonico, che lascia turbati, perplessi, disorientati - l'attacco al concerto. È un'immagine che con piccola licenza ci porta vicino al nocciolo vero di questa parola. Il concertare precede il concerto musicale. Quando nasce (nel Cinquecento) il concertare è in genere un organizzare in accordo comune, e solo...

» Continua a leggere...

Cenestesi

ce-ne-stè-si

SignSensazione generale del corpo, di solito notata solo quando viene turbata

voce dotta, composta dal greco koinós 'comune' e aìsthesis 'sensazione'.

È una parola molto divertente. Basta iniziare a ragionarne intravedendone il significato e subito le appercezioni interne fioriscono - un po' come quando consideriamo la sensazione del nostro peso contro la sedia su cui siamo seduti, o della stoffa dei vestiti sulle spalle, che sono sempre lì e sempre escluse dalla nostra consapevolezza. La cenestesi è una parola che ha vissuto un po' sottotraccia: la sua ricezione pare relativamente recente (novecentesca), e nonostante sui dizionari...

» Continua a leggere...

Trombinoscopio

trom-bi-no-scò-pio

SignRaccolta con foto, nomi e presentazioni dei membri di un gruppo

dal francese trombinoscope, probabilmente composto di trombine 'viso', e dal secondo elemento -scope, che dal greco skopêin 'vedere' descrive strumenti d'osservazione.

Anticipo la malizia di chi leggendo si è domandato "E cos'è che osserva, il trombinoscopio?" o "Dove si mette?". Vediamolo. Non si può dire che sia una parola entrata in italiano, che magari potremmo ritrovarci a breve su un dizionario; anzi ora come ora è un francesismo marcato. Però, non solo da parte italiana, le si muove intorno una certa curiosità. Probabilmente il primo elemento che la compone, trombine, è un prestito proprio dall'italiano 'trombina' - che propriamente, come...

» Continua a leggere...

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato