Logo Una parola al giorno

Sfoglia per data - pagina 3

Ingaggiare

in-gag-già-re (io in-gàg-gio)

SignReclutare, assoldare, assumere alle proprie dipendenze; provocare o cominciare un combattimento in maniera decisa; dare in pegno

dal francese engager, derivato di gage 'pegno', di origine germanica.

In questa parola riusciamo a leggere un intelligente spaccato di concetti stratificati. In italiano il significato dell'ingaggiare inteso come 'dare in pegno' è del tutto desueto, ma è questa l'immagine che sta alla base dei significati successivi: sono imperniati intorno a un'obbligazione, a un contratto - che s'immaginano garantiti da un pegno. Diventa un reclutare, un assoldare (volentieri proprio in senso militare, ma anche nell'armare una nave mercantile) e si estende all'assumere come...

» Continua a leggere...

Sderenare

sde-re-nà-re

SignSpossare, affaticare oltremodo; malmenare

dall'antico sdirenare, che aggiunge una s- intensiva a direnare 'affaticare', a sua volta derivato di reni col prefisso negativo di(s)-.

Si tratta di un regionalismo dell'Italia centrale, attestato già nel Seicento, e ha dei pregi notevoli. Il primo è la precisione: lo stancare profondo dello sderenare è fisicamente localizzato. Spesso la spossatezza è (o ci sembra) una generica prostrazione d'energie che pesa su tutto il corpo, invece lo sderenare ce la riferisce alle reni, alla parte bassa della schiena. Insomma, è proprio uno sfiancare che comunemente accosteremmo allo spezzare la schiena (pittorescamente chiamata anche...

» Continua a leggere...

Ciabatta

cia-bàt-ta

SignPantofola aperta sul tallone; scarpa scalcagnata; cosa o persona malandata

etimo incerto, probabilmente di origine orientale.

Una paretimologia davvero suggestiva vorrebbe che il termine 'ciabatta' fosse imparentato con lo Shabbat ebraico: dopotutto, nel giorno in cui il Talmud vieta di compiere le famose trentanove attività, può parere logico che la calzatura da indossare sia la ciabatta, calzatura-simbolo della rilassatezza domestica - tanto più se due delle attività sono il legare e lo sciogliere, e quindi calzature aperte che si possano indossare con la sola agilità del piede fanno comodo. Ma le cose non stanno...

» Continua a leggere...

Bagarre

bagàr

SignDiscussione agitata, baruffa; subbuglio; nel ciclismo, fase concitata della gara

voce francese di origine dialettale, forse attraverso il provenzale bagarro, che è dal basco batzarre 'riunione di persone'.

La scelta di una parola francese ci pare sempre raffinata: questa in particolare la troviamo spesso sui giornali, e ci sembra proprio buona per descrivere alterchi, dispute politiche anche accese, anche poco compassate - ma sempre in ambiti elevati. Per quanto, e ora lo vedremo, non ogni parola francese sia necessariamente un profumo distillato sulla Senna. questa voce entra nell'uso italiano tardi, all'inizio degli anni '60, e in un contesto molto preciso, quello del ciclismo. Qui la...

» Continua a leggere...

Guru

gù-ru

SignMaestro spirituale; esperto nel proprio settore

Dall’hindi guru गुरु, ‘mentore spirituale, esperto’, a sua volta dal sanscrito guru गुरु, ‘precettore spirituale, persona venerabile’, il cui significato viene dall’aggettivo guru गुरु, ‘pesante, importante, di gran valore’ (si confrontino il latino gravis e il greco barýs βαρύς).

Capita spesso di sentire frasi come ‘il dottor Tizio è un guru della chirurgia estetica’, oppure ‘dovresti leggere il testo di Caio, un guru tra i latinisti!’. Tizio e Caio, chiaramente, sono grandi esperti nei loro campi, dei veri e propri maestri, delle guide. E quindi noi li chiamiamo guru. Ma, come non raramente accade nel passaggio dalle lingue antiche a quelle moderne, i significati di alcune parole vengono, in qualche modo, desacralizzati – non smetterò mai di sorridere pensando al...

» Continua a leggere...

Tracannare

tra-can-nà-re (io tra-càn-no)

SignBere avidamente, a grandi sorsi o d'un fiato

composto parasintetico di canna, in riferimento alla canna della gola, con il prefisso tra- nel significato di 'attraverso'.

Sembra una parola moderatamente ironica, una bella formazione quattrocentesca imperniata su un'esagerazione che fa del bere avidamente uno scolare attraverso la canna della gola. Ma infilandoci un pensiero in più diventa piuttosto inquietante. Chi tracanna non è nemmeno più un 'chi': l'atto del bere smodatamente, così riferito direttamente alla gola, non contempla labbra, né bocca, né viso. Il tracannare destruttura la figura della persona, la disumanizza riducendola a una canna cava...

» Continua a leggere...

Scarmigliare

SignSpettinare; come intransitivo pronominale, anche azzuffarsi

da scarminare (probabilmente sovrapposto a 'scompigliare' o 'scapigliare'), che attraverso l'ipotetica voce del latino parlato excarminare viene da carminare 'cardare'.

Come accade con le persone, accade che in una gang di sinonimi una parola che aveva una sua storia antica e precisa si ritrovi a imitare il profilo di un paio di termini particolarmente carismatici del gruppo per appartenervi in maniera più evidente. Grossomodo è ciò che è successo allo 'scarmigliare'. Nel latino parlato a un certo punto doveva essere emerso il verbo excarminare, un derivato di carminare, cioè 'cardare'. «Cardare? Avrei scommesso c'entrasse qualcosa il cantare», e in...

» Continua a leggere...

Liminare

li-mi-nà-re

SignRelativo alla soglia; confinante, vicino; preparatorio, introduttivo

voce dotta, recuperata dal latino liminaris, derivato di limen 'soglia'.

Anche stavolta siamo davanti a una parola ricercata che è solo una parola comunissima (preliminare) senza il suo prefisso. E non è un prefisso che fa poi grande differenza, difatti sono in parte sinonimi - anzi può perfino appesantire il concetto. Il liminare è letteralmente ciò che è relativo alla soglia. Si osserva la pietra liminare posta all'ingresso dell'abitazione antica, chi vuole entrare deve superare la guardia liminare di un cerbero pechinese, il vicino mette zerbini liminari con...

» Continua a leggere...

Agguato

ag-guà-to

SignAppostamento volto a un attacco improvviso, e l'attacco stesso; insidia, tranello; luogo dell'imboscata

dall'antico francese aguait 'guardia, sorveglianza, imboscata', dall'ipotetica voce francone wahta 'guardia'.

Paroline come questa ci permettono di scoprire cose molto interessanti sulle ramificazioni dei concetti che usiamo. Se il micio mi fa un agguato - teso a saltarmi al polpaccio quando passo - significa che si è appostato e che è pronto a scagliare il suo attacco sorprendente: questo lo sappiamo. Ora, il termine 'agguato' è un parente stretto del verbo guatare, anzi qualcuno lo indica come suo derivato, passando per il desueto agguatare: visto che guatare significa 'guardare a lungo e...

» Continua a leggere...

Sciò

sciò

SignEspressione usata per scacciare polli o altri animali, fra cui le persone

voce espressiva.

È una parola che frequenta con disinvoltura i nostri discorsi, ed è curioso notare come ci sia una certa ossessione compilatoria nei dizionari nel precisare che questa espressione serve in primis per scacciare i polli. Un'urgenza che magari un tempo è stata più pressante di quanto sia oggi: diciamo che in generale è un'interiezione impiegata col fine di scacciare animali o persone - con una forza sorda che stringe minacciosamente al grugno labbra e lingua e poi scoppia. Posso tentare di...

» Continua a leggere...

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato