Asepsi

  • 17

a-sè-psi

SignAssenza di germi; sterilizzazione

dal greco: a privativo e sepsis putrefazione.

L'asepsi, sia nell'immagine dell'etimologia sia nell'uso medico, appare come qualcosa di molto positivo: la sterilizzazione riesce fondamentale per evitare infezioni, è la pulizia suprema, l'esilio del marcescente e del putrescente. Ma nell'uso figurato, quando si dice che qualcosa è asettico, non si intende una qualità positiva: l'asettico è freddo, privo di passione, perfino privo di carattere; si potrà allora parlare dell'asepsi di un articolo arido, di una lezione distaccata, di un personaggio glaciale. I due sensi sono perfettamente coerenti: l'asepsi è un deserto polito, sterile. Così come non genera il male della putrefazione, non genera il bene della vitalità.

Parola pubblicata il 07 Marzo 2013

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato