Conciliabolo

  • 36

con-ci-lià-bo-lo

SignRiunione furtiva, spesso per fini illeciti od occulti; concilio ecclesiastico irregolare, non indetto dal papa

dal latino conciliàbulum 'luogo di riunione', derivato di conciliare 'riunire insieme', composto da con e dal tema di calare 'chiamare'.

Il carattere marcatamente negativo di questa parola emerge già in latino, infatti il conciliabulum, oltre a descrivere luoghi di riunione come piazze di mercato, poteva indicare luoghi malfamati. Gli accrocchi di persone sanno essere sospetti...

In italiano acquista il profilo di fratello maligno del 'concilio' (solenne, legittimo e palese), e denota un'adunanza appartata, furtiva, fra persone poco raccomandabili o che comunque si ritrovano per fini occulti, e perché no? illeciti. Il conciliabolo dei finanziatori prima della discussione del progetto non promette nulla di buono, dopo la presentazione del nuovo fidanzato le amiche si stringono in un conciliabolo che fa sudare freddo, e prima della votazione nel consiglio si agglomerano diversi conciliaboli, intorno a cui ronzano i giornalisti.

In ambito ecclesiastico questa piega del conciliabolo è ancor più netta (per quanto il carattere di segretezza venga in parte meno): infatti ha storicamente descritto concilii non indetti dal legittimo pontefice e ai suoi danni, magari con intenti scismatici.

Una parola ricercata e precisa, da tener pronta nella nostra faretra.

Parola pubblicata il 07 Aprile 2017

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato