Diavolo

29 Agosto 2010

dià-vo-lo

dal greco: dia attraverso ballo metto. Propriamente, separare, metter in mezzo, frapporre una barriera, creare fratture.

Il diavolo è qualcosa di più penetrante di quanto l'iconografia classica ci faccia intendere. Infatti, originariamente, l'azione rappresentata da questa parola era riconducibile alla calunnia e a tutto ciò che avesse come effetto la separazione e l'allontanamento fra gli uomini.

Quando il cristianesimo prese piede e i satiri pagani furono trasfigurati in demoni dell'inferno -dalle punte degli zoccoli a quelle delle corna- la figura avversa a Dio prese il nome di chi tentava di separarlo dagli uomini, sue creature.

Modernamente, liberandoci di questo vecchio tipo di raffigurazioni, il diavolo è diventato più volentieri una persona elegantissima e affascinante, pur mantenendo il suo ruolo di separatore: perché in fondo, senza voler metter piede nella palude metafisica, il diavolo è in certo senso ciascuno di noi nella misura in cui le scelte che facciamo e le azioni che portiamo avanti fratturano il nostro mondo e ci separano dalla pienezza della realtà.

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Iscriviti a UPAGIscriviti a UPAG

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato