Elogio

  • 19

e-lò-gio

SignDiscorso in cui si esaltano i meriti o le virtù di qualcuno; lode

dal latino elogium 'motto, iscrizione', dal greco eulògion 'lode', composto da eu 'buono' e logion 'motto'.

Questa è una parola davvero importante, per quanto non sia usata di frequente.

L'elogium latino descriveva semplicemente un motto, un'iscrizione - in qualche caso, un verbale o un registro. Ma in italiano 'elogio' ha recuperato un significato completamente positivo (già suggerito dall'origine greca), cioè quello di discorso in cui si espongono e spesso esaltano meriti, virtù e qualità di qualcuno.

È sostanzialmente una lode, ma rispetto alla lode risulta più articolato, è un discorso più pensato. Inoltre ha certo dei profili di solennità, ma non sono così pesanti e celebrativi come nell'encomio, né così pubblici come nel plauso: si può elogiare anche senza liturgie, e nell'intimità.

Allora si può parlare dell'elogio inaspettato che durante l'aperitivo ci fa il collega quando ci ritroviamo momentaneamente da soli, dell'elogio funebre che viene pronunciato per il beneamato scomparso, e nell'articolo il giornalista elogia il politico o la nuova iniziativa.

Non solo è una parola da usare senza remore, ma di elogi è bene non essere parchi: pronunciare il merito è un atto che fa bene a chi riceve l'elogio e arricchisce chi lo fa del bene che riconosce.

Parola pubblicata il 04 Giugno 2016

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato