Fané

  • 28

fa-né

SignSciupato, sfiorito

adattamento della voce francese fanée, participio passato del verbo faner, in particolare riferito alle erbe che vengono fatte seccare per ottenere il fieno.

L'immagine che ci dipinge questo prestito francese è aggraziata e piacevolmente concreta: il fané è lo sfiorito, l'appassito, così come sono le erbe che, lasciate a seccare d'estate, diventano fieno. Proprio per la sua delicata eleganza (eterna suggestione del francese) si rivela eccezionale in contesti in cui è facile urtare la sensibilità di qualcuno: insomma, fra una bellezza avvizzita e una bellezza fané ci corre parecchio.

Questa parola, oltre a essere usata per indicare l'aspetto non più fresco di una persona, può anche essere riferita a oggetti e luoghi sciupati, in decadenza. Analogamente, in questi casi, la rovina avrà i connotati di una sfumatura delicata, quasi pittoresca: non è un caso se, leggendo la descrizione di un immobile in vendita, è decisamente più facile trovare parole come "rustico" o "fané", piuttosto che "fatiscente" o "decrepito". E quando l'amico ci presenta il suo tanto celebrato salotto degli anni venti, dire che è fané riesce senza dubbio più composto rispetto a dire che è buono solo per fare il fuoco.

Parola pubblicata il 13 Febbraio 2014

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato