Googol

  • 61

gùgol

SignNumero che consiste in un uno seguito da cento zeri

neologismo coniato nel 1938 da Milton Sirotta, nipote del matematico americano Edward Kasner, che ai tempi aveva nove anni.

Nella meravigliosa intimità del rapporto fra nonno e nipote, un nonno matematico (e che matematico!), nel 1938, cercando un modo per suscitare l'interesse del nipote per la sua disciplina, gli chiese quale sarebbe potuto essere il nome di un numero grandissimo, a esempio un uno seguito da cento zeri (cioè dieci alla centesima); il nipotino rispose "googol". Un nome che ha tutto il sapore dell'esagerazione e dello stupore.

Questo episodio avrebbe avuto ben poca rilevanza: infatti il googol è un numero che in matematica non risponde a esigenze di particolare utilità, e niente in natura può essere contato con quel numero - essendo perfino maggiore nel numero di atomi presenti nell'universo visibile. Ma nel 1997, durante un brainstorming per trovare un nuovo nome per il loro motore di ricerca, Larry Page e Sergey Brin scelsero proprio il nome di questo numero: un'evocazione della quantità di dati che avrebbe reso disponibile. Caso volle che Sean Anderson, che partecipò al brainstorming insieme a loro, registrasse il dominio internet commettendo un errore di trascrizione: google.

Una storia che abbraccia esperienze umane diverse e fertili, che è bello trovare in un nome che usiamo quotidianamente.

Parola pubblicata il 21 Gennaio 2015

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato