Impingere

  • 33

im-pìn-ge-re (io im-pìn-go)

SignCome transitivo sospingere, spingere avanti; come intransitivo pronominale, opporsi

dal latino impìngere, composto di in- e pàngere 'ficcare, fissare'.

È vero: questa parola è arcaica, e difficile da impiegare - non per difficoltà intrinseche, ma perché scarseggiano i contesti in cui può essere appropriato usarla. Però è utile dominarla: le sue suggestioni allenano il pensiero, e ci permette di comprendere meglio parole del suo stesso ramo.

Balza subito all'occhio la sua parentela col verbo 'spingere'. Ma è forte di un prefisso più preciso, e infatti acquista il profilo di un sospingere, di uno spingere avanti o dentro - o meglio, di uno spingere in una direzione desiderata o conveniente. Ed è un'azione netta, tant'è che si è spesso declinata in un urtare, e figuratamente in un caricare, in un assalire.
Così l'amico mi impinge a fare la prima mossa con la ragazza che mi piace, aggiustate le vele il vento ci impinge verso il porto, il falegname impinge gli ultimi tasselli dell'incastro, e il fumettista alla presentazione del libro si ritrova impinto da una folla entusiasta.
Parimenti forte è l'uso in veste di intransitivo pronominale ('impingersi'), caso in cui prende il significato di spingersi contro, di opporsi: la minoranza si impinge per contrastare l'approvazione di una legge, e davanti alla proposta della passeggiata sotto il diluvio il cane si impinge.

Con la sua grazia, resta una tessera importante del nostro patrimonio linguistico.

Parola pubblicata il 02 Marzo 2017

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato