Lepido

24 Maggio 2011

lè-pi-do

SignSpiritoso, acuto

dal latino: lepidus da lepor grazia. L'etimo ulteriore resta oscuro: la parola scomparve presto nella latinità, per riapparire in italiano solo nel XV secolo.

Una facezia, uno scherzo arguto, sono lepidi quando non siano rancidi di volgarità: è il buffo aggraziato, brillante, il personaggio ameno e spassoso.

È vero che purtroppo la comicità del mainstream fa di tutto per allontanarsi dal lepido e abbracciare il laido - ma perciò, a maggior ragione, le occasioni per usare questa luminosa attribuzione non devono andare sprecate.

Durante una discussione stridente, un lepido signore di mezz'età, curato e ben vestito, allenterà la tensione con delle osservazioni spiritose e piacevoli; si potrà ridere di gusto alla battuta di una vignetta lepida; il giornalista saggio e lepido racconterà una favola divertente come allegoria di una turbolenta situazione politica.

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Iscriviti a UPAGIscriviti a UPAG

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato