Megerico

  • 10

me-gè-ri-co

SignProprio di una strega malvagia; che serve alla magia nera

derivato da Megera (in greco Megaira, propriamente, "la gelosa"), che secondo la mitologia classica è una delle tre Erinni o Furie.

Con questa parola, molto in voga nei gerghi esoterici contemporanei, si intende riferirsi sia a un carattere di una strega malvagia, sia a qualcosa che viene impiegato in riti di magia nera. È una parola vivida, che si rifà all'immagine della megera, cioè della donna brutta, vecchia e maligna, come per eccellenza deve essere la strega - nome mutuato dalla Megera della tradizione mitologica, entità non gradevolissima.

Può essere megerico un metallo o un cristallo eminentemente usato in liturgie oscure; l'umbratile vicina di casa può avere delle chiare inclinazioni megeriche; e davanti al torto si pronunciano tutte le contumelie e le iatture megeriche che si conoscono.

Nota mitologica extra: Chi era Megera?

Quando Urano fu castrato da Crono, dai suoi genitali nacque Afrodite, mentre dal suo sangue, che fecondò Gaia, nacque una banda sterminata di tipi più o meno loschi: le Meliadi, ninfe dei frassini, i Telchini, demoni rodiesi, i Giganti e le Erinni. Queste in particolare erano un terrificante terzetto di dee votate a tormentare il genere umano, secondo la rigida legge della vendetta divina. Avevano ampie ali e chiome di serpenti; munite di armi più dolorose che letali, come fruste e tizzoni, se ne andavano strillando a giro per il mondo, punendo certi specifici crimini o spingendo a commetterli. Una vera gang.

Tisifone presiedeva la punizione dell'omicidio - con un occhio più severo per l'omicidio intrafamigliare; Aletto, implacabilmente iraconda, non si sa se punisse l'ira o se fosse quella che nella banda picchiava di più; Megera suscitava invidia e gelosia, e puniva l'adulterio. Proprio per queste sue vocazioni Megera è forse la più nota fra le Erinni, quella che più delle altre metteva il suo grazioso zampino nella vita quotidiana delle persone; è quindi facile intuire come il suo nome sia passato ad indicare una figura di donna brutta, aspra e maliziosa.

Parola pubblicata il 10 Maggio 2014

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato