Nequizia

04 Agosto 2011

ne-quì-zia

SignMalvagità; azione malvagia

dal latino: nequam che non vale nulla, di cattiva qualità - aggettivo indeclinabile.

Il suo suono stretto ed aspro, insieme all'etimo che ne rivela il fondamento in un giudizio di valore, rende questa parola - che come tante altre definisce la malvagità, la crudeltà, la corruzione -, fra tutte, quella che le conferisce meno solennità.

Non c'è fascino, nella nequizia, non c'è orgoglio né nobiltà: la malvagità non resta che una sedia con una gamba più corta, un quadro palesemente falso, un muro di sabbia - cattivi lavori d'artigianato, cattive azioni, cattive vite. Potremo quindi parlare della nequizia dello spacciatore che volge in immondizia l'esistenza altrui e propria - scelta stupida e spregevole per fare soldi - o potremo trovare il nequitoso che brama l'esercizio fisico del potere fra le file delle forze di polizia - sordida e deforme caricatura di un nobile istituto.

Puntare la nequizia e chiamarla così la spoglia di ogni potere e onore.

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Iscriviti a UPAGIscriviti a UPAG

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato