Omeostasi

  • 29

o-me-ò-sta-si

SignCapacità degli organismi viventi di mantenere stabili le condizioni interne al variare di quelle esterne

voce costruita dal greco homoios simile, stesso e stasis fissità. Che resta uguale.

Il clima può avere gli sbalzi peggiori, dal gelo al caldo torrido, ma al nostro interno la temperatura non cambia mai, se non in condizioni patologiche. Questa è una declinazione dell'omeostasi.

Si tratta di una delle cifre più interessanti della vita, anzi, forse è il carattere primo, il denominatore comune di tutti gli esseri viventi: la capacità di mantenere una stabilità interna a dispetto delle variazioni esterne; in altri termini, l'omeostasi rende il nostro corpo temporaneamente immune all'entropia, un paradiso di ordine. Non abbiamo idea di quanto dovremmo andare fieri dei nostri dispositivi omeostatici.

Si tratta di un concetto clamorosamente importante, che può invitare estensioni figurate, filosofiche, ben al di là del lessico biologico: pensiamo all'omeostasi degli stoici, che restano imperturbabili davanti al peggior dolore, o all'omeostasi mentale ricercata dall'artista marziale, che affronta il combattimento con un cielo sereno dietro la fronte. A paragone con attributi di analoga specificità, quali l'atarassico o il catastematico, pone l'accento sull'invariabilità della situazione interna rispetto all'esterna: una descrizione fisica, un'osservazione precisa, senza sbavature.

Parola pubblicata il 27 Novembre 2014

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato