Ovvero

  • 3

ov-vé-ro

SignCongiunzione disgiuntiva

composto di o e vero in senso rafforzativo.

Fra la lingua corrente e lo scritto istituzionale e accademico, l'ovvero gioca lo stesso ruolo dell'architrave basso su cui sbatti sempre la testa - che ti fa dire "Sarò scemo? Ci picchio sempre". Così leggendo un testo come un contratto, un manuale, un articolo, leggi 'ovvero' credendo che voglia dire 'cioè', e invece vuol dire 'oppure'. E quando ti accorgi che la frase non ti torna, riscorri indietro, vedi l'ovvero, ricorreggi il senso e prosegui.

Ma se accettassimo un ovvero esplicativo, che vuol dire cioè e basta? Ci risparmieremmo un bel po' di capocciate.

Da salvare, però, la bellezza dell'ovvero (nel senso di oppure) che introduce il sottotitolo di un'opera: "Candido, ovvero l'ottimismo", "Il Dottor Stranamore, ovvero: come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba", "Marcovaldo, ovvero le stagioni in città". Ha un'aura fascinosa, come chi ti sta per raccontare una storia.

Parola pubblicata il 14 Settembre 2012

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato