Logo Una parola al giorno

Schiribizzo

  • 39

schi-ri-bìz-zo

SignIdea bizzarra e improvvisa; composizione letteraria originale e bizzarra; oggetto di forma bizzarra

variante di ghiribizzo, di etimo incerto, ma probabilmente dall'alto tedesco antico krebiz 'gambero'.

Ho capito male o si diceva che 'ghiribizzo' viene da 'gambero'?

Sulla sua origine ne sono state dette diverse: c'è chi c'intravede i geni del ghirigoro, chi lo riscostruisce a partire da 'scarabizzo', ossia 'scarabocchio'. Ipotesi serie, anche forti di una continuità semantica. Perché lo schiribizzo, o ghiribizzo, è l'idea improvvisa, bizzarra, magari balzana - qualcosa che si avvicina bene a un tratto attorcigliato senza senso. Ma alcune fra le voci più autorevoli affermano, col conforto di varie circostanze, che no: l'origine è germanica, e che va trovata nell'alto-tedesco antico, alla voce krebiz, gambero. Bene, ma che c'entra l'amico gambero, qui? Sembra nulla.

È che in italiano a proposito di idee stravaganti di solito non parliamo di gamberi, ma di altri artropodi (come certi dizionari etimologici non mancano di adombrare): i grilli. Tutte bestioline brulicanti, ostinate, antennute, che si sanno muovere nella maniera più bizzarra e agile fra salti e planate zampettanti. Serve un occhio poetico per vedere in grilli e gamberi la rappresentazione di pensieri che si muovono - e questo occhio lo condividiamo tutti.

Così racconto che mi è venuto lo schiribizzo di iniziare a dipingere ("Faccio arte astratta"), la dichiarazione d'amore eterno può essere un mero schiribizzo, e quando ai colleghi è venuto lo schiribizzo di fare una biciclettata tutti insieme si sono fermati alla prima osteria e sono rimasti lì per il resto della giornata. Per estensione viene detto schiribizzo anche il componimento letterario originale e bizzarro - e volentieri è l'autore stesso che si schermisce definendolo tale: ho scritto uno schiribizzo che mi ha ispirato l'avventura di oggi, e il suo sarà solo uno schiribizzo, ma è suggestivo e apre il discorso. Infine, seguendo il carattere di stranezza, può anche essere un oggetto di forma bizzarra: il negozio è pieno di schiribizzi che prendono polvere, e ringraziamo un po' disorientati l'amico che di ritorno dal viaggio ci porta in dono un misterioso schiribizzo.

Che ci parli di gamberi o scarabocchi (peraltro come negare eco a valle con scarabizzi e ghirigori?) rimane una parola fresca, frizzante, capace di movimentare il discorso con una sonorità divertente e inusuale.

Parola pubblicata il 14 Ottobre 2018

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato