Sprimacciare

  • 55

spri-mac-cià-re (io spri-màc-cio)

SignBattere o scuotere un cuscino o un materasso per distribuirne uniformemente l'imbottitura nella fodera

variante di spiumacciare, derivato di piuma, forse nato per accostamento a premere.

Questa parola ci è consueta, ma ci sono delle considerazioni manuali da fare.

L'azione denotata da questo verbo è semplice e intuitiva: si prenda un cuscino, un materasso, in particolare uno che abbia un'imbottitura incoerente - niente monoblocchi di memory foam o lattice, insomma. Etimologicamente si dovrebbe trattare di piume, ma sia quel che sia. Ecco, quando lo troviamo bitorzoluto, con l'imbottitura ammassata in un angolo della fodera (magari si trova nella casa al mare o in campagna, ha perfino preso un po' di umido ma ci serve un giaciglio perché il sole invita una pennichella), allora lo prendiamo e lo battiamo, strizziamo e scuotiamo come se fossimo in una rissa, o magari più delicatamente lo comprimiamo e ristendiamo, cercando di ridistribuire quell'imbottitura e renderla più morbida e confortevole.

Questo è lo sprimacciare, che però non si esaurisce nella descrizione di una tecnica per domare un'imbottitura ribelle: nello sprimacciare è rilevantissima la sensazione delle mani - che a ben vedere, insieme al suono gustoso e articolato, è ciò che conferisce a questo verbo la sua forza espressiva. Oltre alla soluzione del problema di una fodera asimmetrica o di un appoggio scomodo, lo sprimacciare ci racconta un massaggio pieno, anche intenso, perfino violento, compiuto dalle nostre stesse mani: insomma, non è un'azione che viene fatta senza coinvolgimento sensoriale. E se certo sprimacciamo l'orsetto di peluche con gli arti flosci cercando di ricacciarci dentro i fiocchi tutti pigiati nell'addome, noi che siamo abili nei massaggi volentieri sprimacciamo la schiena contratta dell'amico; senza tecnica sprimacciamo la pasta finché però, dai picchia e mena, la sua uniformità non arriva alla compiuta perfezione; l'amico irascibile si prende sempre qualche sprimacciata da qualcuno più grosso di lui; e se vedo un gattino non posso trattenermi dallo sprimacciarlo - finché non sono pieno di graffi, con due occhi così per l'allergia e pago di tenerezza.

Insomma, la gamma dello sprimacciare, a partire dal primo riferimento alle imbottiture, va dalla coccola entrante al massaggio intenso alla violenza fisica, ma è sempre una questione di mani che agiscono su un corpo.

Parola pubblicata il 22 Aprile 2018

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato