Logo Una parola al giorno

Torrefazione

  • 34

tor-re-fa-zió-ne

SignTostare, sottoporre a torrefazione

da torrefare, voce dotta recuperata dal latino torrefacere 'arrostire, abbrustolire', composto di torrére 'far seccare' e fàcere 'fare'.

Qui si tocca con mano una gagliarda possibilità linguistica. 'Torrefazione' è un termine popolare: vigila sulle nostre città dalle insegne di locali e imprese che tostano i chicchi verdi di caffè, e che quindi inziano a curare il risultato sensuale della bevanda più a monte rispetto alla scelta della macchina, dell'acqua, della macinatura. Termine popolare ma minerale, cristallizzato: lo leggiamo solo su quelle insegne, e pare difficile immaginare lui o il verbo 'torrefare' da cui deriva fuori da questo importante ma ristrettissimo ambito. Pare.

Il torrefacere latino era un verbone che abbracciava diversi tipi di cottura, dal grigliare all'arrostire all'abbrustolire: con quella sintesi poetica che molte etimologie ci svelano, era essenzialmente un far seccare alla fiamma (se a qualcuno viene in mente 'torrido', sì, è del medesimo ceppo). Ora, il nostro torrefare e la nostra torrefazione non sono rimasti una faccenda alimentare: recuperati nel XVIII secolo, visto il significato originario oggettivamente versatile ('far seccare'), hanno riguardato la lavorazione dei minerali, del tabacco, e nella nostra letteratura non mancano dei torrefare-inaridire. Ma non si sono nemmeno fatti generici, anzi: possiamo vedere che si sono quasi totalmente imperniati sulla torrefazione quale processo di riscaldamento ad alta temperatura volto a ossidare, disidratare e in una certa misura carbonizzare un materiale - per fini diversi. Sono dei termini procedurali.

Si distingue dal 'tostato' per intensità: il tostare e la tostatura (per quanto siano più o meno la stessa cosa) danno l'impressione di processi più agili e minuti, roba domestica, da pane per la colazione, da riso per la cena. Si rende più tosto qualcosa che se è più tosto è più buono, facile. Invece il torrefare e la torrefazione hanno un'aria più seria, di processo più importante, hanno un'ascendenza latina più marcata, e arrivano anche al carbonizzare in tutta serenità - il che apre all'ironia. Se mi dimentico il pane in forno (lo volevo riscaldare perché era un po' vecchio) non lo trovo tostato, lo trovo torrefatto, e lo posso solo sbriciolare. Con la dispensa vuota ci ritroviamo a sgranocchiare i biscotti che ci ha preparato e regalato a Natale il nostro amico, e che fanno schifo perché sono torrefatti ma almeno così non vanno mai a male. I fiori, li ho lasciati in macchina; torno e li trovo torrefatti.

Insomma, il torrefare e la torrefazione possono scendere dalle insegne e vivere.

Parola pubblicata il 16 Giugno 2018

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato