Oibò

oi-bò

Interiezione usata per esprimere stupore e disapprovazione

dalla contrazione dell'esclamazione latina heu bone deus ahi buon dio!

Il sapore rétro di questa parola ha delle stupende connotazioni di grande contegno, di sdegno dissimulato ed ironico, di disappunto buffo - e in questi sensi è tuttora usata spesso e con grande naturalezza e simpatia; dopotutto la sua origine mette in luce la sua intima affinità con tante altre esclamazioni moderne.

E sì, anche questa è una parola eminentemente topoliniana.

Parola pubblicata il 26 Febbraio 2011

Commenti