Sfoglia per iniziale: M

Macabro

04 Gennaio 2014

mà-ca-bro

SignRaccapricciante, truce

etimo incerto; forse dal nome dei fratelli Maccabei della Bibbia, assurti al rango di martiri, o forse dall'arabo maqabir, parallelo all'ebraico meqaber grave.

È una parola che, passata attraverso il francese [macabre], deve il suo successo al tema iconografico della danza macabra, cioè la raffigurazione di una danza fra uomini e cadaveri, o scheletri, a volte diretta dalla personificazione della morte. La funzione morale di questa iconografia era il memento mori, cioè il ricordare la caducità della vita - un niente, rispetto all'importanza della vita eterna dopo la morte. L'origine della danza macabra è forse da ricercarsi in una rappresentazione...

» Continua a leggere...

Maccheronico

02 Giugno 2013

mac-che-rò-ni-co

SignDi lingua il cui lessico, principalmente in volgare o in dialetto, è approssimativamente flesso alla latina - lingua propria di opere poetiche e satiriche umaniste e rinascimentali; lingua usata in maniera arrangiata da chi non la conosce

da maccheroni: può riferirsi al fatto che venissero impastati con molti ingredienti o che i cuochi dei conventi parlassero un latino molto approssimativo.

Il latino maccheronico, storicamente, consiste di un italiano volgare o di un dialetto (o anche di un'altra lingua) arrangiato alla latina: si capisce che tornasse buono sia per irridere i sapienti rinchiusi nelle loro torri d'avorio, sia per imitarli, pur senza sapere il latino, tentando di innalzare il tono del discorso. Questa lingua fu anche alla base di un intero genere letterario, orientato principalmente su temi poetici e comici. Oggi che il latino maccheronico non è più sulla cresta...

» Continua a leggere...

Maceria

05 Aprile 2013

ma-cè-ria

SignMuretto di sassi e terra costruito a secco; al plurale, rovine di un edificio crollato

dal latino: maceria, derivato del verbo macerare, intendendo il materiale di scarto con cui il muro veniva eretto, che poteva anche essere terra infradiciata.

Non è comune sentir parlare di macerie nel senso di muretti a secco; di solito, se si parla di macerie, si parla di edifici crollati. Ma il riferimento al materiale povero con cui quei muretti vengono eretti si collega tremendamente bene alle agghiaccianti scoperte dei materiali di scarto con cui certi edifici, distrutti dagli ultimi terremoti, erano stati tirati su. Al di là di questo, l'immagine del muro a secco ci dà anche il senso di qualcosa di slegato - che dopotutto è solo un...

» Continua a leggere...

Iscriviti a UPAGIscriviti a UPAG

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Machiavellico

10 Dicembre 2013

ma-chia-vèl-li-co

SignSubdolo, acuto, spregiudicato

dal nome di Niccolò Machiavelli, celebre scrittore e filosofo rinascimentale.

È spesso detto che la filosofia politica di Machiavelli consista fondamentalmente nel motto "il fine giustifica i mezzi"; ed in effetti molte delle sue famose elucubrazioni ne Il Principe sono volte alla spiegazione di come possa un governante mantenere il proprio potere in maniera efficace e duratura - e i suggerimenti che squaderna sono estremamente spregiudicati. Ma non si tratta di una questione che si possa squadrare con l'accetta: i suoi discorsi sono attenti e sofisticati, mai...

» Continua a leggere...

Macho

05 Dicembre 2013

mà-cho

SignOstentatamente virile

voce spagnola; dal latino: masculus maschio.

Mutuiamo il concetto di macho dallo stereotipo statunitense (un po' caricaturale) della virilità del maschio latino. Che sia impiegato con ammirazione o, più comunemente, con ironia, il carattere di appariscente sicurezza, passionalità e aggressività significato da questa parola rappresenta un interessante punto di confronto fra le diverse culture del nordamerica - e in generale fra il mondo anglosassone e quello latino. Punto di confronto che, riacquisito con questi connotati dalle lingue...

» Continua a leggere...

Macumba

09 Settembre 2015

ma-cùm-ba

SignPratica religiosa di origine africana diffusa nell'America del sud; malocchio

termine bantu, che significa 'magia', ma che è anche il nome di un antico strumento musicale.

La Macumba è una delle molte pratiche religiose a carattere spiritistico che attraverso i secoli si sono radicate nell'America del sud - specie in Brasile. Sono culti sincretici, che intrecciano credenze e riti di origine africana con religioni locali e Cristianesimo, e che arrivano ad essere piuttosto difficili da discernere gli uni dagli altri: Cadomblè, Umbanda, Quimbanda, Vudù, Macumba. In questi culti è molto forte la presenza di spiriti soprannaturali e delle anime dei morti, sono...

» Continua a leggere...

Madido

16 Luglio 2013

mà-di-do

SignBagnato

dal latino: madidus, derivato di madere esser bagnato.

Originariamente madido sarebbe una parola con un significato generico: il madido sarebbe l'umido, il bagnato, l'intriso di liquido. Ma nell'uso si è instaurata una solidarietà lessicale per cui il madido, nella quasi totalità dei casi, è madido di sudore, d'uomo o d'altro animale che sia (per solidarietà lessicale, o semantica, si intende una concorrenza quasi obbligata fra parole). Non si parlerà mai di un piazzale madido dopo un'acquazzone, o di una spugna madida: il madido implica...

» Continua a leggere...

Madornale

15 Settembre 2014

ma-dor-nà-le

SignMaterno; grosso, spropositato, inaudito

dal latino medievale maternalis materno.

Come è che il significato di materno si è trasformato nel significato di spropositato? La mediazione di questi significati va ricercata nel lessico botanico: infatti, nel descrivere una pianta, per rami madornali si intendono i rami che nascono direttamente dal ceppo - metaforicamente, madre della pianta, da cui si sviluppano le fronde. Va da sé che i rami madornali sono anche i rami più grossi. Così, figuratamente, il madornale diventa in genere il grosso, e quindi lo spropositato. Questa...

» Continua a leggere...

Magagna

01 Ottobre 2015

ma-gà-gna

SignImperfezione, difetto, in particolare nascosto; vizio

dal provenzale antico maganhar 'ferire, storpiare', probabilmente derivato dal francese antico mahaignier, forse di origine germanica.

Non è una parola particolarmente aulica, ma nemmeno così bassa e colloquiale come potrebbe sembrare. È espressiva (ha un suono nasale formidabile), e i suoi significati sono molto versatili. La magagna è fondamentalmente un difetto, sia fisico, sia morale: una storpiatura. Ma questo difetto ha la particolarità di non essere manifesto, anzi è nascosto. A volte è un accidente, ma molte volte è furbamente tenuto nascosto. E in questi casi la magagna prende un'aura di spiacevole piccolezza. Si...

» Continua a leggere...

Magari

09 Giugno 2013

ma-gà-ri

SignInteriezione che esprime un desiderio o un augurio

dal greco: makàri, da makarios felice, fortunato.

Le interiezioni non sono parole facili. Esprimendo in maniera concisa una particolare emozione sono difficilmente traducibili in altre lingue: sono espressioni scavate nel tempo dal modo di essere di un popolo, espressioni con cui si cresce, e che anzi diventano un quadro, per i nostri sentimenti. Questa eredità greca che è il "magari" è diventata un quadro per sentimenti di augurio, di desiderio - ed è per questo che viene usato con tanta versatilità. "Sei stato al mare questo...

» Continua a leggere...

acquisti consigliati

Iscriviti a UPAGIscriviti a UPAG

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato