Riverbero

Pubblicata il 29 Luglio 2012 - URL breve

ri-vèr-be-ro

SignRiflesso, bagliore

dal latino: reverberare composto di re- indietro e verber percossa. Colpire di rimbalzo.

Il riverbero ha in sé una radice decisa di forza, quasi di violenza. Ma parlando lo riferiamo praticamente solo a cose immateriali: la luce riverbera, il suono riverbera - e i loro colpi di rimbalzo non paiono troppo minacciosi. Abbiamo in mente il riverbero del sole sul vetro della finestra che ci ferisce gli occhi mentre stiamo stravaccati sul divano - ci sarebbe da chiudere lo scuro, oppure resistere finché il fascio non sarà passato; abbiamo in mente il vocione reso grosso dal riverbero quando si grida in un pozzo, in una grotta o in un capannone vuoto; abbiamo in mente il caldo riverbero delle case di pietra nei profumati crepuscoli estivi. Forse i più audaci penseranno a come la musica della colonna sonora riverberi nella scena emozionante del film, eccitando il cuore; penseranno a come l'urgenza della poesia riverberi nel suo metro rapido e stringente; a come il ricordo doloroso riverberi ancora nel proprio presente.

Allora forse è qui la connotazione del riverbero, rispetto al riflesso, al rispecchiare, al risplendere, al risuonare: è un'attività quasi volontaria di ciò che fa rimbalzare il colpo. Non c'è forse quasi una lievissima intenzione della finestra, nel suo riverbero? Un'espressione della poesia interiore della casa, nel riverbero del calore diurno? Una richiesta di introspezione, nel riverbero dell'antica sofferenza?

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Iscriviti a UPAGIscriviti a UPAG

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Iscriviti adesso!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato