Noia

Pubblicata il 25 Luglio 2011 - URL breve

nò-ia

dal latino: in odio odioso, da cui il latino parlato inodiosus.

Da un senso di disinteresse, di fastidio, di inerzia nasce un astio che nelle sue forme profonde si contorce simile all'odio: questa è la noia.

Non ha l'esoterismo dello spleen, né la serenità della pigrizia - ma uno sprone che punge e fa rigirare alla disperata ricerca del non ripetitivo, del nuovo, dell'interessante.

Non vivendo più ai tempi di Leopardi, in cui effettivamente trovare il non ripetitivo, il nuovo, l'interessante poteva essere un serio problema, la noia resta la cifra di chi non abbia progetti e non coltivi interessi di stupore partecipe, di chi viva pesando sul divano come un sacco di patate, con un tenore sentimentale di fondo di disagio e disprezzo odioso - con gli orizzonti troppo stretti o un culo troppo pesante anche solo per sognare un riscatto.

La noia esiste solo nel cuore di chi la provi, e per sua piena responsabilità.

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Iscriviti a UPAGIscriviti a UPAG

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Iscriviti adesso!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato