Pregiudizio

10 Luglio 2012

pre-giu-dì-zio

SignValutazione preventiva ad una conoscenza diretta

dal latino: praeiudicium sentenza anticipata, composto di prae- prima e iudicium giudizio.

È una parola difficile. Vive in un'accezione fondamentalmente negativa: il pregiudizio, nel nostro uso, non può non essere un'opinione sbagliata, che deve essere rivista quando si confronta con una realtà più ampia - un giudizio convinto ed errato prima della conoscenza effettiva di qualcosa.

In questo senso è un concetto tanto importante, nel nostro mondo: la portata del fenomeno, la sua sovrapposizione coi fronti caldi dei diritti civili e della pacifica convivenza rendono cardinale la sua delicata e sprezzante individuazione.

Ma è anche una parola pericolosa, i cui confini vanno tracciati con esattezza: non si possono bollare come pregiudizi tutte le opinioni negative - e il limite fra pregiudizio e giudizio è piuttosto labile: il giudizio (che si spinge fino alla predizione) che risulti da una riflessione seria nell'incontro serve a conoscere la realtà, ma la naturale limitatezza dell'esperienza impone di riconsiderare continuamente i propri giudizi stessi. La realtà è che tutti viviamo di pregiudizi, e la loro decostruzione è una lotta che dura una vita.

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato