Professione

  • 14

pro-fes-sió-ne

SignDichiarazione delle proprie idee; mestiere

dal latino: professus cioè, propriamente, che ha dichiarato apertamente, da profiteri, composto di pro davanti e fateri intensivo di fari parlare.

La professione, come mestiere, siamo abituati ad associarla ai lavori ritenuti più alti, agli ordini professionali e via dicendo. La radice però ci dice molto di più, con delle implicazioni tanto più estese.

Il mestiere non è solamente il privato agire per ricavare guadagno: è sul foro della società che il mestiere è la professione, la pubblica dichiarazione del proprio ruolo, della propria scelta di vita - parlando con la voce della Costituzione, il modo in cui si è scelto di concorrere 'al progresso materiale e spirituale' del mondo in cui si vive.

Le formule in cui 'professione' significa strettamente una dichiarazione aperta resta in registri fortissimi, aulici o religiosi - la professione delle proprie idee, della propria fede. Ma nel parlare comune, che da circa sei secoli vuole la professione sinonimo di lavoro, questa può affondare radici importanti nella vita, può essere quel fare che è esempio, quel fare che dichiara, ed innalzare la professione dell'infermiere, dell'avvocato, del meccanico e del geometra all'identitaria vocazione del come stare al mondo. Perciò è tanto più tragico, quando il lavoro non è libertà.

Parola pubblicata il 17 Ottobre 2012

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato