Apocalisse

a-po-ca-lìs-se

Fine del mondo; catastrofe; scritto di carattere religioso sul fine ultimo dell'uomo e del mondo

dal greco: apocalypsis rivelazione, composto di apo separazione e kalyptein nascondere.

La rivelazione suprema, in religione, è la rivelazione escatologica, che profetizza il destino ultimo dell'uomo e del mondo. E solitamente questo destino ultimo non è proprio tranquillissimo: la fine del mondo viene sempre dipinta come un evento traumatico, catastrofico. Forse a qualcuno verrà in mente il Giudizio Universale di Michelangelo, il gesto poderoso del Cristo Redentore che spezza il mondo. Nel Nuovo Testamento il libro che tratta di queste questioni escatologiche è attribuito a San Giovanni Evangelista, e si chiama appunto "Apocalisse". Così, per impropria ma efficace estensione, l'apocalisse, parola di suono pieno e forte, è diventata la fine stessa del mondo, o in generale qualsiasi evento catastrofico che possa esserle paragonato.

Parola pubblicata il 22 Dicembre 2012

Commenti