Débâcle

debàkl

Sconfitta, batosta

dal francese: débâcle da débâcler liberare, disgelare.

L'immagine è quella del disgelo che provoca un'alluvione: ed in effetti è un significato che questa parola può ancora avere. Ma l'uso più ampio è quello figurato: la débâcle è un disastro clamoroso, una grave sconfitta. Infatti ricordiamo il romanzo di Zola, La débâcle, che narra della sconfitta di Sedan. Spesso si trova usata in un senso che non le è proprio vista la vaga assonanza con "dibattito": prima di usare una parola straniera, che effettivamente è in grado di impreziosire un discorso, si deve esser sicuri di conoscerne bene il senso. Si potrà quindi parlare di una débâcle elettorale, o di una débâcle calcistica, o amorosa.

Anche se il modo corretto di scrivere questa parola sarebbe [débâcle], visto che l'accento circonflesso non fa parte dei caratteri italiani, è uso semplificarne l'ortografia, scrivendo [débacle]: l'importante è che, a colpo d'occhio, il lettore possa capire che si tratta di una parola francese. Davanti alla scritta [debacle] chiunque avrebbe un momento di incertezza.

Parola pubblicata il 24 Giugno 2013

Commenti