Epitome

e-pì-to-me

Riassunto, compendio di un'opera a scopo didattico o divulgativo

dal greco: epitome, composto di epi sopra e temno tagliare. Ciò che resta dei tagli.

L'epitome è la sintesi di un'opera estesa operata tagliando le parti ritenute meno importanti: se da un lato ha il vantaggio di mantenere, nelle parti salvate, il testo originale, dall'altra il taglio è ovviamente arbitrario, e quindi possono risultare escluse dall'epitome parti dell'opera invece importanti.

Questo tipo di riassunto è stato in voga in diversi periodi del passato - nell'antica Grecia, a Roma, e durante il medioevo: le epitomi che ci sono arrivate riescono quindi di grande valore filologico.

Volendo estendere il significato, l'epitome è una crema, un distillato, una sceltissima combinazione che, pur incompleta, è capace di rappresentare qualcosa di più ampio: un libro singolo potrà essere valida epitome dell'intera produzione di un autore; un servizio televisivo su un comico ci preparerà un'epitome dei suoi sketch più famosi; l'acerrimo nemico dell'eroe potrà essere l'epitome del male.

Parola pubblicata il 24 Maggio 2012

Commenti