Esiguo

e-sì-guo

Modesto, piccolo

dal latino: exigere pesare esattamente - quindi pesare in maniera stretta, da cui l'accezione di minuto.

Parola delicata, rétro: il magro, il povero, lo scarso acquisisce una grande dignità - che pure oggi fa tanto orrore.

Così sarà esiguo il pasto del nonno che tiene da parte il denaro per i nipotini; sarà esiguo il guadagno di chi nel proprio lavoro, umanamente, si spinge a far del bene piuttosto che a profittare; sarà esiguo il corso d'acqua cristallina che appare scintillante nel castagneto allo sciogliersi della neve.

Parola pubblicata il 09 Febbraio 2012

Commenti