Logorroico

lo-gor-ròi-co

Che parla continuamente, all'eccesso; in ambito medico, sintomo di una malattia mentale che porta a discorsi continui e sconclusionati

dal greco: logos parola reo scorrere. Flusso di parole.

La logorrea, al di là dell'ambito medico, è una tendenza a parlare oltre ogni limite umanamente accettabile. Un parlare continuo, torrenziale - quasi sempre egocentrico ed autoriferito, e spesso non semplice, anzi: nota distintiva del logorroico può essere una decisa tendenza all'intellettualismo esasperato. È una parola con fonetica splendida, ma decisamente poco gentile da usare. L'alternativa più delicata potrebbe essere "verboso". Che fa anche ridere di più.

Parola pubblicata il 23 Ottobre 2010

Commenti