Orgasmo

or-gàs-mo

Correntemente, il culmine dell'eccitazione e del piacere sessuale. Altrimenti, agitazione, sforzo intenso.

dal greco: orgao sono intimamente agitato, collegabile al sanscrito urg'as esuberanza di forze, d'energia. Deriva dalla radice fondamentale varg- che indica movimento, azione - radice in comune, ad esempio, con "urgenza".

Capita di trovare scritta, in certi autori, la parola orgasmo con un senso che non tocca la sfera sessuale. Ed è una parola potentissima. È un'eccezionale, impetuosa mossa dell'intero animacorpo, lo sforzo massimo, al picco, la suprema tensione. Può essere quello del centometrista in corsa, del poeta che scrive, di una città nel fronteggiare una calamità, di uno Stato intero nel risollevare la propria sorte. Qualunque sia, nella vita, la frequenza e varietà di orgasmi sembra proprio essere fondamentale.

Parola pubblicata il 08 Luglio 2010

Commenti