Plesso

plès-so

In anatomia, struttura reticolare di nervi o vene; in architettura e burocrazia, insieme di edifici od organi che cooperano funzionalmente

dal latino: plexus intrecciato, parallelo al greco pleko intreccio.

Parola di radice antica e di grande espressività, che coi suoi variegati composti riecheggia costantemente nella lingua: complesso, amplesso, perplesso.

L'immagine fondamentale è l'intreccio articolato di più elementi: nel nostro corpo intrecci delicati e raffinatissimi, fondamentali snodi nervosi e circolatori; negli apparati istituzionali, organi e strutture composite come plessi polisportivi, universitari, amministrativi.

I più audaci potranno identificare come plessi insiemi organici di idee, di informazioni, di azioni.

Così una posizione personale potrà esprimersi in un plesso di considerazioni; un progetto potrà concretarsi in un plesso di iniziative concomitanti; e classicamente un architetto potrà disegnare un plesso per attività affini - cinema, musica e teatro.

Parola pubblicata il 21 Aprile 2011

Commenti