Portento

por-tèn-to

Significato Prodigio, miracolo

Etimologia dal latino: portentum, participio passato di portendere annunciare, composto di por- avanti e tendere offrire, presentare.

Etimologicamente è una semplice manifestazione, una semplice presentazione dinanzi agli occhi: eppure il significato scavalca in una connotazione di manifestazione miracolosa, di presentazione strabiliante. E non è l'unica parola in cui questo accada: pensiamo a "fenomeno" (dal greco [phaino] appaio) o a "prodigio" (dal latino [pro] avanti [aio] affermo); da una constatazione neutra si passa al mirabolante, alla taumaturgia.

Davanti ad una simile trasformazione viene da domandarsi "perché?" - ma nel caso trovo più fertile "perché no?".

Come diceva Wittgenstein "Che il mondo è, è il mistico", e vedere in tutto ciò che si manifesta un prodigio, un portento, non è che osservarne l'intrinseco valore di meraviglia - liberi da una percezione drogata in cui nulla è mistico e poco ha valore.

Parola pubblicata il 03 Giugno 2011