Sporadico

spo-rà-di-co

Saltuario, poco frequente

dal greco sporadikós disperso, da speìro spargere.

Questa parola misura ciò che accade con scarsa frequenza attraverso un'immagine molto bella e inaspettata: la dispersione. Quasi che la linea del tempo si potesse vedere dall'alto, così che il raro appaia sparso. Questo significato di disperso, prossimo all'etimologia, appare evidente in certi usi particolari di questa parola: si dicono sporadiche le malattie non endemiche, che si presentano con frequenza e diffusione limitata; sono sporadiche quelle specie animali e vegetali che non hanno popolazioni concentrate, ma sparse in vaste regioni; e il meteorologo ci parla di rovesci sporadici.

Ad ogni modo, 'sporadico' si trova comunemente usato come sinonimo di 'saltuario', 'non frequente': il nuovo macchinario ha qualche sporadico malfunzionamento, la casa in montagna viene aperta solo per qualche visita sporadica, e fa arrabbiare il testo supponente, ricco di citazioni, che fa solo qualche sporadico riferimento alle fonti. Maledetto.

Parola pubblicata il 06 Aprile 2015

Commenti