Volitivo

vo-li-tì-vo

Che ha grande volontà

dal latino: volo io voglio. Che ha attitudine a volere.

Parola, nel descrivere questa attitudine, di grande grazia.

L'espressione forte di una volontà ha colori carismatici, influenti, duri. Un carattere, un atto, uno sguardo volitivo si impongono sulla realtà circostante con polso fermo, deciso - virile. È sicuro, dà sicurezza, sa dove andare a parare, dove mirare, e come esercitare l'energia.

Così il volitivo, con tutte le luci e le ombre dell'autorità, si presenta come un attributo elegante, certo eccezionale, pregevole e insieme pericoloso.

Da menzionare il congiuntivo volitivo, tipo di congiuntivo che appunto esprime una volontà: "Vorrei che tu andassi al cinema anche se sono malato" "Preferirei che tu restassi con me, stasera".

Parola pubblicata il 28 Marzo 2012

Commenti