Augurio

  • 8

au-gù-rio

SignSperanza, desiderio di buon auspicio; presagio; divinazione dell'augure

dal latino: augurium, da augur augure.

Nell'antica Roma e fra gli Etruschi esisteva un tipo di sacerdote il cui compito era interpretare la volontà degli dèi dal volo degli uccelli: questi erano gli àuguri. In particolare questi non divinavano la volontà celeste in astratto, ma solo se una decisione o un atto già compiuti la incontrassero o meno.

Oggi, quando da millenni nessuno più contempla il volo degli uccelli per trarne auspici, l'augurio rimane un desiderio, una buona speranza che si esprime in occasioni speciali. Quasi come se già si conoscesse un volere delle divinità che sia corrispondente a ciò che si augura.

Fa impressione pensare che qui, proprio dove siamo adesso, persone come noi ma con credenze diverse ci abbiano lasciato in eredità idee e modi di dire così duraturi, tanto quanto i loro più longevi edifici, e necropoli. Ti fa percepire, nell'augurare buon compleanno, o buon Natale, una radice profondissima; ti fa rendere conto che le tue parole non sono che l'antica sedimentazione di altre parole pronunciate da chi, morto, così come ora i vivi, condivide il tuo stesso cielo, la tua stessa terra.

Parola pubblicata il 25 Dicembre 2012

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato