Frugare

fru-gà-re

Rovistare

dal latino parlato: furicare da furari rubare, a sua volta da fur ladro.

L'immagine è acutissima: il frugare ha in sé le connotazioni di sbrigatività, di fretta e quasi di violenza che sono proprie del ladro che rovisti nei cassetti di una casa intera, in corsa contro il tempo per non farsi scoprire.

Durante un attacco di allergia si frugherà fra le medicine in cerca di un antistaminico; si frugherà fra le proprie carte in cerca di quell'appunto che, dannazione, finché non mi serviva era sempre in mezzo; sentendo un nome che ci suona strano si frugherà nella memoria cercando di intendere che cosa ci ricorda.

Parola pubblicata il 21 Agosto 2011

Commenti