Improvvido

im-pròv-vi-do

Imprevidente, incauto; inconsapevole delle conseguenze

dal latino improvidus, composto da in non e providus previdente.

Pur appartenendo a un registro linguistico sostenuto, questa parola è forte di un'immagine etimologica semplice, che una volta colta può dissipare le incertezze sul suo uso: il non previdente, ciò o chi pecca di lungimiranza, di consapevolezza sul futuro. Infatti improvvido significa incauto, sconsiderato, che non prevede le conseguenze: può essere improvvida una scelta avventata, improvvido un consiglio dato con leggerezza, improvvido il dirigente d'azienda che prende decisioni con la pancia.

L'eleganza di questa parola è una risorsa importante, che la fa spiccare sui suoi sinonimi: infatti è straordinariamente utile poter esprimere giudizi pieni, anche taglienti, con una forma che non risulta aggressiva. In altri termini, dire a qualcuno che ha tenuto un comportamento improvvido lo farà irrigidire meno, piuttosto che dirgli che ha tenuto un comportamento sconsiderato o incauto o incosciente.

Parola pubblicata il 19 Settembre 2014

Commenti