Risorsa

Parole terremotate, parole rinnovate

ri-sór-sa

Mezzo capace di rispondere ad una necessità; in particolare, mezzi finanziari

dal latino: resurgere risorgere, attraverso il francese: ressource.

È una parola comune e basilare, ma la sua etimologia lascia perplessi: che c'entra il risorgere con la risorsa?

Si potrebbe pensare che la risorsa sia quel mezzo che permette di rialzarsi in una situazione di difficoltà, quindi di risorgere; ma questa parola non vive solo nell'emergenza. Più plausibilmente e in un senso più archetipico la risorsa si riferisce alle ricchezze della terra che tornano alla luce - in particolar modo, all'acqua: una sorgente riporta in superficie la pioggia penetrata nelle falde sotterranee, la fa risorgere. Ma potremmo anche pensare alle vecchie credenze di esseri soprannaturali che nascondono sottoterra i metalli, quasi fossero tesori razionalmente custoditi, e alle figure del signore dell'Ade Plutone, cioè "il ricco", e al Satana di Baudelaire, "con l’occhio chiaro che conosce i profondi arsenali/ dove dorme sepolto il popolo dei metalli". In quest'ottica la risorsa è un tesoro (ri)trovato.

Da questo concetto così fondamentale e versatile si trae una grande quantità di usi: dalle risorse idriche alle risorse intellettuali, dalle risorse finanziarie alle risorse umane.

Per risollevarsi da un terremoto, le risorse economiche sono facili da quantificare e in molti casi necessarie. Più difficili da definire ma non meno necessarie sono le risorse sociali e umane, fisiche e psicologiche, emotive e affettive, ideali e spirituali. Mentre si cercano le prime, si dovrebbe con analogo impegno coltivare e promuovere in ciascuno la crescita delle seconde.

Parola pubblicata il 12 Aprile 2013

Parole terremotate, parole rinnovate - con Associazione LaCà

Con l'associazione culturale LaCà, nata dopo il sisma in Emilia, cerchiamo di capire come alcune parole si sono trasformate dopo il terremoto e come si possono rinnovare.

Commenti