Magone

ma-gó-ne

Stomaco, specie del pollo; peso, accoramento

dal longobardo: mago gozzo.

I sentimenti si ripercuotono sulle sensazioni del corpo. Un forte peso di compassione, di preoccupazione, di timore grava dalla gola allo stomaco - secondo le diverse persone. Non sembrerebbe una parola particolarmente fine, ma invece il magone denota l'accoramento con la suprema finezza dei sensi interni, di quella miriade di percezioni invisibili che scocca fra noi e il nostro corpo. Si tratta quindi di una parola di grande intelligenza: una sensazione forte che nasce dentro il corpo.

Una scena triste e stupenda di un film, o l'acme di una tragedia a teatro, o una musica sublime ci fanno venire il magone: per certe reazioni di sentimento così forte da essere fisiche serve l'arte; oppure, forse, una nonna che piange.

Parola pubblicata il 11 Settembre 2012

Commenti