Racimolare

ra-ci-mo-là-re (io ra-cì-mo-lo)

Raccogliere, mettere insieme

dal latino: diminutivo di racemus grappolo d'uva. I racimoli sono quindi i piccoli grappoli che rimangono per ultimi sulle viti durante la vendemmia.

Immagine delicata, che rievoca un passato dimesso e meticoloso nel non lasciar sprecato un solo acino d'uva - nemmeno il più minuto sul grappolo più piccolo. Così racimolare, rispetto a raccogliere e ad altri sinonimi, ha in sé la connotazione della povertà, del dignitoso e onorevole sforzo del risparmiare e del mettere insieme con modestia e silenziosa tribolazione - nobiltà dell'umiltà.

Parola pubblicata il 17 Maggio 2011

Commenti