Travet

  • 31

tra-vèt

SignImpiegato modesto e diligente, mal pagato e sacrificato sul posto di lavoro

dal nome di Ignazio Travet, protagonista della commedia piemontese "Le miserie d'Monsù Travet" del 1863, scritta da Vittorio Bersezio.

Non è una parola che capita spesso di vedere o udire, ma la figura da cui nasce, l'impiegato Ignazio Travet, ai suoi tempi ha avuto un gran mordente sull'immaginario collettivo - e di quando in quando viene ancora usata da saggisti o giornalisti particolarmente colti.

Il signor Travèt (cioè "travetto", piccola trave) nella commedia di Bersezio è un impiegato pubblico che sul posto di lavoro subisce le vessazioni di un capoufficio che lo odia, vive la continua frustrazione di vedere cani e porci venir promossi prima di lui e svolge compiti monotoni e ripetitivi. Ciononostante nelle proprie mansioni è diligente, puntuale, e affronta il dovere con vero spirito di sacrificio; per di più nemmeno a casa le cose vanno meglio, per il signor Travèt, visto che anche lì subisce maltrattamenti da parte di moglie, figli e domestica.

Così il travet diventa per antonomasia il piccolo burocrate dedito tanto al proprio lavoro quanto all'ingoiare rospi con modestia. Una figura che anche a centocinquant'anni di distanza dalla prima de "Le miserie d'Monsù Travet" non è certo sparita. Una parola bella e incisiva che veramente può impreziosire un discorso.

Parola pubblicata il 25 Luglio 2013

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato