Avvezzo

av-véz-zo

Abituato, assuefatto

da avvezzare, derivato del latino vitium vizio, vezzo, attraverso l'impotetica forma advitiare.

Con questa parola si indica l'essere abituato, l'aver maturato un'assuefazione. Si può essere avvezzi a viaggiare, si può essere avvezzi al fumo, si può essere avvezzi alle ristrettezze. E non è una parola priva di sorprese: infatti, senza che sia comunemente notato, porta in sé il significato di vizio.

Il concetto di vizio ha declinazioni ampie: alcune di queste ce lo dipingono come abitudine negativa. Ed è da questa immagine che nasce il nostro "avvezzo": l'acquisire una brutta abitudine. Poi il brutto è passato in secondo piano senza quasi lasciare traccia, e l'avvezzo rimane l'abituato. Ma conoscere l'origine di questa parola ci può far comprendere l'ironia o l'intensità del suo significato.

Parola pubblicata il 13 Agosto 2014

Commenti