Feeling

L'anglicismo e il gentiluomo

fìling

Intesa, sintonia, complicità che si stabilisce fra due o più persone per affinità di sentimenti e sensibilità

voce inglese, propriamente 'sensazione', dal verbo to feel 'sentire'.

Termine comunissimo nella lingua inglese per indicare molto genericamente i sentimenti e le sensazioni, gli stati o le reazioni emotive, in italiano ha invece acquisito un significato peculiare. L’impiego prevalente che ne facciamo, infatti, esprime una affinità, un’intesa, una sintonia che coinvolge in linea di massima due parti tra le quali il feeling si instaura, e che dà spesso vita ad un connubio perfetto: il pilota vince la gara quando trova il feeling perfetto con la propria autovettura, oppure cane e gatto, a dispetto della proverbiale intolleranza reciproca, possono condividere gli stessi spazi mostrando un feeling commovente. Ma attenzione, il feeling rimane comunque un passo indietro rispetto al vero e proprio sentimento d’amore, perciò se i paparazzi ventilano l’ipotesi che esista una relazione tra due personaggi dello spettacolo, i due possono smentire affermando che sussiste un grande feeling ma nulla di più.

In maniera un po’ più ampia, un feeling positivo e disteso si può creare e stabilire anche a livello di ambiente in cui si svolge un evento: se dico che alla festa il feeling non era un granché, significa che giusto il tempo di mangiare due tartine e già l’atmosfera ispirava una rapida ritirata.

Meno sfruttata ma comunque presente è un’altra accezione, questa sì rilevabile anche nei dizionari e nell’uso della lingua d’origine: è quella che designa una percezione soggettiva, un’idea o un'impressione, ed in questo senso feeling è sinonimo di sensazione, in genere confortevole e favorevole: sempre per restare in ambito automobilistico, il feeling di guida è uno dei fattori più rilevanti nella scelta della macchina nuova, e se dico che il clima generale prima della riunione è di distensione e cordialità, allora posso anche permettermi di avere un feeling positivo e sperare in un piccolo aumento di stipendio.

Ancora, se ci spostiamo alla valutazione di un’opera musicale o teatrale, il feeling è un tripudio dei sentimenti dell’autore che si riesce a trasmettere, coinvolgendo il pubblico in una partecipazione catartica. Insomma, in qualche modo ci si avvicina al significato originario del verbo feel, che è sia quello della percezione anche fisica attraverso i sensi, sia quello della sensazione intuitiva, di previsione e presagio. Ma ancora rimane solida la nostra accezione più caratteristica, la prima di cui abbiamo parlato, che è anche quella che amiamo ribadire citando la nota ‘questione di feeling’.

Parola pubblicata il 22 Giugno 2018

L'anglicismo e il gentiluomo - con Eleonora Mamusa

Di nuovo sul fronte sempre caldo, interessante e scivoloso degli anglicismi: stavolta a venerdì alterni con Eleonora Mamusa, linguista e lessicografa - per riuscire a strutturare in merito idee più confacenti.

Commenti