Pourparler

purparlé

Colloquio riservato

voce francese, sostantivazione dell'antico verbo pourparler, composto di pour per e parler parlare.

Una parola favolosa. Il pourparler è l'abboccamento, ossia il colloquio preliminare riservato con cui si iniziano le trattative per un affare, si delineano le convergenze su un progetto, e in generale si discute la possibilità di un accordo. Non si tratta di un incontro formale, né definitivo: ci si incontra così... per parlare.

Ora, se come sostantivo riesce straordinario, con valore avverbiale non ha lo stesso mordente: se dico «Abbiamo fissato un pourparler» il risultato è al tempo stesso ricercato e brillante, e ha una sapida sfumatura di scafato e rilassato; se dico «Ci siamo visti pourparler», invece sembra che io butti là una parola francese per darmi un tono, approssimando una traduzione di 'per parlare'. Ricordiamo quindi che la parola 'pourparler' indica proprio quel preciso genere di incontro, e non l'attitudine con cui ci si trova.

Allora si organizza una serie di pourparler per sondare gli umori politici rispetto a una riforma; con la bella commessa si fissa un pourparler disinvolto davanti a un caffè; e riponiamo grandi speranze nel pourparler che abbiamo in agenda.

Parola pubblicata il 30 Settembre 2015

Commenti