Repertorio

re-per-tò-rio

Inventario, elenco; complesso delle opere che un artista è in grado di interpretare; insieme di risorse disponibili

dal latino repertorium lista, catalogo, da reperire trovare.

Una parola il cui significato originario è stato arricchito da un uso peculiare che se ne è fatto nel mondo del teatro a partire dal XIX secolo.

Il repertorio, dapprima, è semplicemente un inventario, un catalogo; a esempio, si può parlare di repertori di giurisprudenza o bibliografici. Ma in seno alle compagnie teatrali, il repertorio è passato a indicare la compagine dei lavori pronti da mettere in scena; e successivamente, esteso a ogni tipo di spettacolo, l'insieme di musiche, numeri e performance con cui l'artista si può esibire.

L'idea di un bagaglio di conoscenze e abilità a cui si può prontamente attingere ha anche suggerito il significato, più astratto, di repertorio quale complesso di risorse disponibili: pensiamo alle immagini di repertorio che vengono montate nel servizio televisivo, al sorriso di repertorio con cui si è soliti allentare le situazioni tese, all'enigmatico proverbio di repertorio che la nonna è solita pronunciare servendo la cena.

Piacevolmente, il nesso con il significato originale di elenco rimane sempre molto chiaro.

Parola pubblicata il 15 Gennaio 2015

Commenti