Stile

stì-le

dal latino: stìlus penna, derivante dalla radice stig- pungere.

Lo stile, in antichità, era la penna con cui si scriveva sulle tavolette cerate, incidendole. Il passaggio ulteriore di significato è di un'eleganza di pensiero enorme: lo stile diventa il modo di scrivere proprio di una persona. Diventa il sinolo di grafia, ritmo, tono, taglio di pensiero, lessico ed ogni altro fattore che oggi, intuitivamente, ricomprendiamo nello stile di scrittura. Passo ulteriore, ampliamento dell'orizzonte: lo stile diventa tutto ciò che caratterizza una persona sotto un profilo estetico, squisito e vasto - anche se la radice autentica resta la semplice penna, simbolo di un'espressione verbale che è l'indice principe dell'estetica umana.

Parola pubblicata il 11 Settembre 2010

Commenti