Faro

  • 14

fà-ro

SignFonte di luce di segnalazione, che serve da punto di riferimento per la navigazione; fanale; punto di riferimento

da pharos, nome greco dell'isola di Faro, che sorge sulle coste egiziane davanti ad Alessandria, e cui sui era posto il celebre Faro di Alessandria.

Già nel 300 a.C. il tratto di mare davanti ad Alessandria era estremamente trafficato; ricche rotte commerciali si incrociavano al porto, ed era quindi necessario porle a riparo dai pericoli di una navigazione non semplice: infatti quel tratto di mare, oltre a non avere punti di riferimento a terra, nascondeva pericolosi banchi di sabbia soffolti. I re Tolomeo I Sotere e suo figlio Tolomeo II Filadelfo si risolsero quindi a costruire un edificio gigantesco sull'isola di Faro: una torre alta più di centotrenta metri, visibile a quasi cinquanta chilometri di distanza, che inviasse un segnale luminoso rotante - riflettendo grazie a specchi parabolici la luce del sole il giorno e di grandi fuochi la notte.

Rimase in attività per l'impensabile tempo di sedici secoli, forte di una tecnologia avanzatissima, che poté essere pareggiata solo molto dopo che due terremoti, a breve distanza, lo abbattessero, agli inizi del XIV secolo. È quindi facile comprendere come quella metonimia che dette il nome dell'isola all'edificio sia rimasta scolpita in un'antonomasia lunga ventitré secoli. Ed è facile intendere come la fulminante intuizione di una torre di segnalazione luminosa sia passata ad indicare, figuratamente, un punto di riferimento culturale, spirituale - guida rassicurante, per i marinai che solcano le acque nella notte, come una stella artificiale. Si potrà quindi sentir parlare di iniziative economiche che sono un faro per il mondo, del faro degli insegnamenti di un grande capo carismatico, della famiglia che sempre conta sul faro certo dei nonni.

Poi, senza dubbio, il senso più comune in cui usiamo questa parola è in riferimento ai fanali delle automobili, o di altri veicoli, o delle luci per illuminare palchi, o dei faretti che piazziamo nelle nostre case. Ma il faro si porta dietro una storia antica e maestosa - di cui è bello sentire il sapore, quando se ne pronuncia il nome.

Parola pubblicata il 22 Novembre 2013

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato