Avulso

a-vùl-so

Staccato, isolato

dal latino avulsus, participio passato di avellere strappare, composto di a da e vellere tirare.

Una parola dal significato semplice, e dotata di una grazia notevole. Certo appartiene a un registro elevato, ma non mancano le occasioni per usarla.

Si dice avulso ciò che è staccato, isolato da qualcosa: una digressione può essere avulsa dal tema del discorso, si lamenta la critica faziosa a una singola frase avulsa dal contesto, e il lungo periodo di lavoro intenso ci lascia avulsi dall'attualità. Etimologicamente, l'avulso è ciò che viene strappato via: un'immagine forte e versatile. Tant'è che, figuratamente, 'avulso' può anche avere anche altri valori, fra cui ad esempio quello di 'distratto': dopo aver letto la bella poesia si resta per un po' avulsi da quel che ci accade intorno, e quando un pensiero ci domina, spesso si pare avulsi dal mondo.

Una soluzione elegante per esprimere un significato comune - a un tempo fine e facilmente comprensibile.

Parola pubblicata il 07 Maggio 2015

Commenti